Ministro Fioramonti, attendiamo la sua decisione, se…

Ministro Fioramonti

Il Ministro fioramonti ha chiesto tanti soldi per l’istruzione. Prevedibile la risposta di chiusura di R. Gualtieri. Quindi a Fioramonti non resta che…

Il Ministro Fioramonti aveva chiesto tre miliardi per la scuola. L’intervento di Roberto Gualtieri sembra chiudere ogni possibilità. Se questo dovesse diventare una decisione politica, al Ministro non resta…

Il Ministro Fioramonti si è esposto molto

Il Ministro Fioramonti si è esposto molto, minacciando le sue dimissioni in caso di mancato accoglimento delle sue richieste. Queste sono arcinote. All’inizio di settembre ha rilasciato un intervista al Corriere della Serada me ripresa. Aveva dichiarato: ““Ci vogliono investimenti subito, nella legge di Bilancio: due miliardi per la scuola e uno almeno per l’università. Lo dico da ora: se non ci saranno, mi dimetto
Metteremo subito mano al decreto salva-precari, che è pronto. Voglio correggere i punti che non andavano bene e riproporlo per stabilizzare al più presto gli insegnanti che lo meritano.”

Il Ministro Gualtieri chiude ogni speranza?

Era facilmente prevedibile la risposta del Ministro R. Gualtieri. La congiuntura economica e quella annunciata causa la guerra dei dazi,  non presentano le condizioni per soddisfare le richieste del Ministro Fioramonti. Il superministro dell’Economia  ha dichiarato a Piazzapulita (La7): “ tre miliardi aggiuntivi in un anno non ci sono ma, se guardate tra le pieghe della Nadef, sono molti i soldi aggiuntivi per l’istruzione. La scuola deve essere finanziata, ha ragione Fioramonti. Gli ho detto che, per la prima volta, non gliela taglio e ci stiamo mettendo dei soldi in più. Adesso partono i concorsi e c’è un impegno forte per aumentare le risorse”

Al Ministro non resta che…

Se questa posizione diventerà una decisione politica del governo, sostanziata nella legge di Bilancio 2020, allora al Ministro non resta che dimettersi. E’ una questione di coerenza e costituirebbe un bel segnale di discontinuità con il recente passato. La sua decisione costituirebbe il ritorno della Parola che si fa carne, rompendo con l’annuncite dove le tante parole servono solo a tenere in vita il sistema massmediologico che si nutre di Nulla. Diversamente da quello che si intende il Nulla rappresenta una realtà (Parmenide. Severino). In questo caso è rappresentato dalle tante interviste e dichiarazioni vuote e frullate dall’industria della comunicazione 2.0 e confezionate per la persona media dalla memoria corta.
Ovviamente attendiamo di leggere i numeri della Legge di Bilancio 2020. In caso di pochi spiccioli, il Ministro dovrà rassegnare le sue dimissioni, consapevole che il Miur non è un dicastero di peso e quindi dopo l’iniziale e plausibile imbarazzo della classe politica sarà sostituito da una persona più funzionale alle scelte del governo.