Posted in: Opinioni

Ministro Fioramonti, era già tutto previsto, quindi non resta…

Ministro Fioramonti
Il Ministro ammette: le risorse per l’istruzione sono insufficienti. Quindi non resta che dimettersi!

Il ministro Fioramonti ammette l’insufficienza dei fondi per la scuola. In questo caso aveva promesso le sue dimissioni. Attendiamo la coerenza!

Il Ministro Fioramonti conferma la marginalità dell’istruzione

Il Ministro Fioramonti ha dichiarato ” allo stato attuale i fondi per la scuola e l’università sono insoddisfacenti…Il dibattito continua e nei prossimi giorni  continuerà il mio impegno per portare a scuola, università e ricerca i finanziamenti che servono”
La dichiarazione conferma la marginalità del sistema formativo. Nonostante i tanti annunci di politici sul ruolo strategico dell’istruzione. Siamo alle solite!
Fin qui nulla di nuovo sotto il sole. Era già tutto previsto!
Il Ministro, però aveva dichiarato a settembre “Ci vogliono investimenti subito, nella legge di Bilancio: due miliardi per la scuola e uno almeno per l’università. Lo dico da ora: se non ci saranno, mi dimetto…”

Se il quadro non cambia, non restano…

In quei giorni ho invitato il Ministro a parlare dopo i fatti, per non cadere nell’annuncite. Agere, non loqui! Ho scritto “Mi auguro che non siano le solite parole in libertà, liquide, sideralmente distanti da quelle solide, grazie al loro incarnarsi in fatti, risultati.
Voglio ricordare al Ministro che per gli insegnanti le parole hanno un loro peso, contano, sono una sorta di contratto.  Quindi  rappresentano un impegno che, se portato a termine, rende credibile la persona.”
Quindi a questo punto se le risorse rimarranno insufficienti e quindi distanti da quei tre miliardi richiesti, al Ministro non restano che le dimissioni. Sarà sostituito da una personalità più vicina e funzionale al mantenimento di una scuola debole e inadeguata ad affrontare i tanti problemi. Prima. però ci saranno brevi discussioni, dichiarazioni e altro. E questo, anche se poco, sarà meglio del silenzio assordante che in questi giorni avvolge la scuola. Aggiungo e concludo: la scuola coglierebbe la decisione delle dimissioni come un atto di “amore per la scuola”! E non è poco!