Ministro Fioramonti, le parole contano…

Ministro Fioramonti

Il Ministro Fioramonti rilascia una nuova intervista. Fa ben sperare, ma attendiamo i fatti

Il Ministro Fioramonti ha rilasciato una nuova intervista sull’aumento stipendiale per i docenti. Ora però attendiamo i fatti. Per gli insegnanti le parole pesano, contano…

Ministro Fioramonti, l’ultima (?) intervista

Il Ministro Fioramonti torna sulla questione degli aumenti stipendiali per i docenti.
L’altro giorno ha dichiarato (Radio Capital): “Abbiamo il personale meno pagato d’Europa. Voglio partire da lì. E dare strutture che possano mettere tutti in condizione di lavorare al meglio. Ho parlato di un aumento stipendiale importante, stiamo ragionando in questi giorni. Spetterà al percorso di legge di bilancio stabilire quanto e come, ma si va verso i 100 euro… Quando si parla di aumento stipendiale vuol dire utilizzare gran parte delle risorse che voglio ottenere in questa legge di bilancio. Ho chiesto 3 miliardi per l’istruzione nella prossima legge di bilancio. Sono 14 mesi che ci lavoro, prima ero viceministro. E c’è convergenza con il premier Conte, che ha messo la scuola al centro del progetto per il Paese”

Qualche breve considerazione

Interessante l’intervista del Ministro Fioramonti . Mi auguro che non siano le solite parole in libertà, liquide, sideralmente distanti da quelle solide, grazie al loro incarnarsi in fatti, risultati.
Voglio ricordare al Ministro che per gli insegnanti le parole hanno un loro peso, contano, sono una sorta di contratto.  Quindi  rappresentano un impegno che, se portato a termine, rende credibile la persona.
Dopo anni di solitudine, la scuola quella in trincea necessita di sponde, supporti che dia senso e valore economico adeguato al suo lavoro frontale con gli alunni e gli studenti. Quindi attendiamo i fatti per esprimere una valutazione…

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.