Posted in: Recensioni, Tutti gli articoli

N. Carr “Internet ci rende stupidi”

Interessante il contributo di N. Carr. Non recentissimo, comunque attuale.
Indubbiamente, rispetto al passato, abbiamo a disposizione molti contenuti. Troppi!
In questa “overdose di informazioni”, spesso favorita anche dal multitasking, non approfondiamo, il pensiero critico e anche argomentativo rimangono fuori dalla porta.  Si resta in superficie, come scriveva F. Hegel spesso si osserva l’albero e non la foresta .
Ora questo corto circuito tra l’informazione e la conoscenza, secondo N. Carr, non si ferma all’aspetto formale, ma  sta modificando anche il nostro cervello nelle sue sinapsi. Lo sta riprogrammando verso il basso, rendendoci appunto stupidi.  Una stupidità che si esprime anche nell’interiorizzazione inconsapevole della dipendenza! In altri termini, in quella difficoltà a separarsi dal dispositivo, favorendo la permanenza nel virtuale, meno impegnativo, dove i profili possono essere multipli, le relazioni “liquide” e la velocità da “multitasking” il nuovo paradigma. Tutto questo, come scrivevamo sopra, ha un costo: la riduzione delle nostre capacità di attenzione e concentrazione.
Questi scenari sono illustrati da  N. Carr con uno stile sobrio e senza fronzoli. Non sponsorizza gli apocalitici, né gli sponsor del  nuovo verbo tecnologico. La soluzione per l’autore è la separazione dal dispositivo. Breve? Lunga? Quel tanto che basta per ospitare nuovamente attività trascurate dal nostro compulsivo viaggio nel virtuale. Non ultimo  la lettura di un libro, in versione cartacea, io aggiungo anche quella digitale, che favorisca l’incontro con la conoscenza che necessita delle condizioni della lentezza cognitiva e riflessione.