Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Nardella: titolo fuorviante!

nardella-1

Nel Web circola questa notizia ” Difendere i lavoratori, è vecchia sinistra!“. La dichiarazione è attribuita a D. Nardella, renziano della prima ora ed ora sindaco di Firenze. E’ mia abitudine andare sempre alle fonti. Non è mia abitudine emettere giudizi frettolosi. Preferisco attendere!
Bene sono andato a verificare se quanto divulgato corrispondesse al vero: Ecco, l’intervista. Dichiara Nardella: ” Questa idea di vecchia sinistra per cui i lavoratori vanno sempre bene e difesi anche quando sono assenteisti, anche quando sono inefficienti. Combattere tutto questo non è di destra, volere la riforma della pubblica amministrazione è un tema di una sinistra moderna”
Quindi ci troviamo di fronte a un titolo fuorviante , frettolosamente scritto. L’esponente renziano, punta di diamante del superamento tra destra e sinistra, non identifica genericamente  la difesa del lavoratore  con la sinistra, ma lo circoscrive con qualche ambiguità ( parla della Riforma della Pubblica Amministrazione ) ad una tipologia: il lavoratore assenteista ed inefficiente ( cosa ben diversa dal nullafacente, condizione questa imputabile alla cattiva organizzazione ).
Dobbiamo stare attenti a quello che pubblichiamo e condividiamo. Solo lasciando fuori dalla finestra frasi offensive, sostituite da argomenti,  e controllando la fonte di quello che vogliamo condividere, spuntiamo un’arma ai detrattori del Web. Essi spesso presentano gli internauti come una massa di ignoranti e altro… A fine agosto, qualche giorno dopo il terremoto che ha colpito Amatrice e paesi limitrofi,   di E. Mentana definiva l’internauta superficiale  Webete.
Sono un convinto sostenitore che il Web possa diventare una piazza virtuale, la nuova Agorà, alternativa alla televisione, alla carta stampata, spesso allineata al potere. Un luogo virtuale dove si fa cultura “altra”, le conoscenze e le convinzioni si alimentano attraverso il confronto, la sintesi argomentativa. Solo in questo modo potremo costituire un’alternativa al “piattume culturale” oggi imperante, finalizzato più a far cambiare attitudini che a convincere attraverso analisi e argomenti. Diversamente rischiamo l’emarginazione, l’identificazione con le chiacchiere da “Bar dello sport” dove ognuno può  esprimere opinioni “condite”  da offese e da assenza di verifiche…