Posted in: Nativo digitale, Recensioni, Tutti gli articoli

Nativi digitali

nativi digitali

Spesso i nostri ragazzi dono presentati come “Nativi digitali”. Non sempre, però, chi usa questa definizione non ne conosce tutte le implicazioni.
L’ottimo contributo di Giuseppe Riva ci viene in soccorso. Il pregio del lavoro è quello di presentare una sintesi esaustiva del profilo dei nostri ragazzi rispondendo a diversi interrogativi sulla evoluzione o involuzione della sua identità, dello sviluppo cognitivo, emotivo  e relazionale. Entrando nello specifico l’A. registra una mutazione del concetto d’identità, mutuata dai social Network che spesso non corrisponde  a quella reale. Un’identità che diventa estremamente  liquida, sublimata, non reale . Un’identità dai legami deboli, che comporta scarso coinvolgimento nelle relazioni e scarsa assunzione di responsabilità.
In questo contesto il nativo digitale non è più spettatore ma  diventa “spettautore, “commentautore”  cioè parte attiva di una memoria collettiva dinamica di contenuti e esperienze che si strutturano, destrutturano e si ristrutturano e dove ognuno è centro e terminale, parte attiva e passiva di un processo senza fine.  Cambia anche il concetto di” luogo”, tradizionalmente legato alla presenza fisica. Spesso “il nativo digitale non valuta più opportunità e vincoli in relazione al luogo fisico in cui si trova ma al luogo digitale esteso reso possibile dai mezzi di comunicazione a sua disposizione” .
Questo è molto altro ancora è proposto nel lavoro di G. Riva che con linguaggio tecnico- scientifico, presenta l’identikit del “Nativo digitale”, con le sue luci e ombre. Consigliato a tutti gli educatori e insegnanti, grazie al quale potranno individuare percorsi o attività per introdurre elementi formativi in  un contesto che spesso risponde solo a logiche commerciali.

Qui è possibile leggere un’ampia sintesi del lavoro