Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Noam Chomsky: l’ultima ( spietata ) lezione

c
N. Chomsky analizza senza troppi giri di parole la  condizione di noi lavoratori, molti dei quali rappresentano  ” una galassia informe di precari”.
Disinformati, alienati, isolati ( “atomizzati” ), manifestano il loro dissenso attraverso talk, opinioni, dove l’analisi dei problemi è chiara, però non seguita dalla prassi trasformatrice. Quindi si resta ingabbiati nel momento teorico che sfocia in una consapevolezza di impotenza di fronte ad una realtà ritenuta immodificabile ( “apologia indiretta del presente” D. Fusaro ). In questa ” notte del mondo” ( M. Heidegger ) dove l’essere è identicato con l’ente, condizione primaria per ” la ritirata dell’essere a favore dell’espansione ontologica dell’ente” ( M. Heidegger ), scrive Chomsky i lavoratori assomigliano   a fantasmi, a sfruttati.
Personalmente non mi trovo d’accordo con  la conclusione pessimistica dello studioso. Non c’è nulla di immodificabile, di dato. La realtà è il prodotto delle nostre decisioni ( F. Hegel ) e questo mi porta ad impegnarmi  per creare nel mio piccolo un’alternativa allo “status quo”.

L’ultima lezione di N. Chomsky