Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Noam Chomsky: rimanere liberi!

Noam-Chomsky-Crediti-Reuters-Jorge-Dan (1)
Ho già pubblicato una mia riflessione su N. Chomsky.
Ora ne posto una che tratta della comunicazione politica e non solo.
Analisi spietata, declinata in un decalogo che propone i trucchi attivati per il controllo sociale delle persone. Il comune denominatore delle dieci regole è la manipolazione dell’informazione, proposta parzialmente, a piccole dosi,  alterata o inserita in un contesto caratterizzato da paure, costruite a tavolino che facilmente bypassano il filtro razionale.  Si badi questo controllo risulta impalpabile, invisibile , portando gli individui ad amare la loro “gabbia d’acciaio” ( M. Weber ) cognitiva e culturale, depotenziando la spinta a scardinare questa prigione dorata. La conseguenza è una condizione di  cretinismo culturale,  che espone la persona alle sue pulsioni, a “minimizzare” il proprio Io ( C. Lash ), inteso come capacità critica e riflessiva e quindi a salutare metaforicamente la caverna di Platone   che veicolava la categoria dell’uscita  e quindi della possibilità, dell’esser-ci ( M. Heidegger ) inteso come pro-getto ( etimo “gettato avanti” ) che per essere efficace deve assumere una dimensione comunitaria.
Da leggere anche in previsione del bombardamento mediatico in vista del referendum confermativo delle modifiche costituzionali.

I dieci trucchi della comunicazione