Posted in: Esperienze, Formazione, Tutti gli articoli

Non basta l’innovazione…

e-book in typescript close-up

A scuola gli ebook non decollano! ( v. articolo in fondo )  Della  rivoluzione annunciata  del prossimo  passaggio dal cartaceo al byte –  – era dato per imminente –  si ha poca traccia.  Il quadro conferma l’immagine, qualche volta superficiale,  che i non addetti ai lavori    hanno della scuola. Un’istituzione che  assorbe  ogni   innovazione restituendola depotenziata della sua carica propulsiva . In altri casi, come per l’e-book  il “nuovo” è sistemato in un binario morto, in attesa della inevitabile rottamazione. Non sempre, però,  questa sensazione esterna riesce a cogliere le variabili in gioco. In altri termini: spesso le conclusioni sono condizionate da pregiudizi storici e cronicizzati verso l’istituzione.
Quali allora le cause di  questa deblache – mi auguro momentanea – del libro elettronico?
Sicuramente quello che non funziona non è l’e-book, ma il contesto che non ha accompagnato la sua introduzione.  L’articolo non chiarisce a chi attribuire questa responsabilità  Alle singole scuole? All’Amministrazione? Difficile dirlo! Sicuramente, e questo conferma che non è sufficiente un’innovazione per cambiare le cose, la tecnologia e le sue declinazioni non certificano ipso facto un cambiamento, ma esprimono semplicemente che un processo si è avviato. Le discontinuità previste – gli effetti – diventano una variabile dipendente da fattori esterni. Nel caso specifico occorrono  ambienti attrezzati per lo scopo, adeguamento infrastrutturale e  tecnologico, ma anche un serio investimento degli editori, che mossi dal criterio di ottimizzare il rapporto costi/benefici  spesso riducono l’innovazione a ebook= pdf, trascurando  la creazione  di risorse online di diversa tipologia… Non parliamo poi dell’assenza delle piattaforme multisistema che condizionano pesantemente la fruizione del libro elettronico.
Senza queste azioni di accompagno, si rischia di demotivare anche il docente più interessato all’innovazione tecnologica, decretando l’affermazione di didattiche consolidate, ma non sempre efficaci.Con gli effetti, inoltre,  di marginalizzare la scuola da un contesto sempre più tecnologico, ma privo di quello spessore formativo che solo l’istituzione scolastica può offrire.
E-book non decollano