Posted in: Contratto scuola, Tutti gli articoli

Nuovo possibile contratto, le deprimenti e facili definizioni

Nuovo possibile contratto
Le “tristi” definizioni di un possibile contratto.

Nuovo possibile contratto, l’impresa di definirlo non risulta difficile, in quanto non presenta chiaroscuri. Tutto è nero! L’alternativa è confermare lo status quo.

Le definizioni del possibile nuovo contratto 

L’impresa di definire il nuovo possibile contratto è facilitato dall’uniformità “cromatica” della sua natura. Tutto è nero! La valutazione, purtroppo, si basa sull’intermediazione. In altri termini, non è possibile esprimere un  giudizio oggettivo, per l’indisponibilità dell’Atto di Indirizzo
Detto questo il possibile nuovo contratto si presenta irriguardoso, punitivo e pesante.
Irriguardoso. Gli 85€ – sembra perà che la cifra media sia inferiore –  definiti più volte dalla Ministra V. Fedeli e da M. Renzi come “aumenti”, risultano un offesa alla dignità dei docenti e al loro ruolo strategico.
Punitivo e “pesante”.  Le attività di formazione rischiano di divenire gratuite per l’inserimento nelle ore funzionali.  A questo si aggiunge l’aumento indefinito dell’orario di servizio, dovuto allo straordinario obbligatorio e all’inasprimento delle sanzioni disciplinari.

Non resta che…

Se questo è lo scenario, allora non resta che confermare lo “staus quo”. In altri termini restare  senza contratto. Meglio, non buttare nel cestino gli attuali profili, codificati con il contratto del 2007. I soli a credere in un contratto dignitoso sono i confederali. Si legge nella loro ultima dichiarazione congiunta (le parti in grassetto sono mie(: “E’ nell’interesse della scuola oltre che dei lavoratori chiudere positivamente, e quanto prima, la trattativa contrattuale della scuola. Le richieste sindacali sono state poste da subito in modo molto chiaro all’ARAN….
Concludere positivamente un difficile negoziato, quando siamo alla fine della sua vigenza, significa mettere i paletti di una prima fase di un percorso, che deve proseguire con l’obiettivo di mantenere la piena tutela del ruolo e della dignità dei lavoratori della Scuola.
Rimango basito! E mi trattengo!