On. Francesco Boccia e il pentimento costruttivo sulla L.107/15

On. Francesco Boccia

L’On. Francesco Boccia conferma che il Pd ha compreso la lezione. Occorrono fatti, però, non parole.

L’On. Francesco Boccia e qualche giorno fa  il governatore del Lazio Nicola Zingaretti hanno avviato l’operazione recupero del mondo della scuola. Un pò tardiva e sospetta. Le parole stanno a zero, servono i fatti.

La dichiarazione tardiva e sospetta dell’On. Francesco Boccia

L’On. Francesco Boccia ha dichiarato:” Su scuola, lavoro e ambiente serve una rottura netta con le politiche che il PD ha portato avanti in questi anni: la buona scuola è stata una riforma disastrosa per gli insegnanti e per l’istituzione scolastica, ripartiamo da scuole aperte h24 da nord a sud, insegnanti valorizzati e un conto per la vita di ogni studente,1.000€ l’anno dal primo giorno di scuola fino alla maturità, per libri, mense, trasporti, attività culturali.”
E sono due! Dopo la dichiarazione del governatore del Lazio N. Zingaretti, possiamo affermare con certezza che è partita l’operazione di riavvicinamento del Pd verso il mondo della scuola.
Si dirà meglio tardi che mai. Era impensabile, infatti, che dopo lo “tsunami elettorale” prodotto dalla legge 107/15,  i massimi dirigenti del Pd continuassero nella strategia di difesa della “Buona Scuola”. Nel caso dell’On. Boccia la dichiarazione è maggiormente sospetta di tatticismo. Esprime un ripensamento, rispetto al voto favorevole espresso dall’esponente del Pd nel maggio 2015.

Una proposta per dissipare i dubbi 

“Solo gli stupidi non cambiano opinione”. Quindi concediamo all’On. Francesco Boccia il beneficio   del ripensamento autentico.
Avanzo una proposta, rivolta all’esponente del Pd. Si faccia promotore, in queste settimane,  di una legge che abroghi “senza se e senza ma” la “Buona Scuola”. Favorisca le condizioni per il conseguimento dell’obiettivo. Solo dopo, forse, riuscirà a riconquistare il mondo della scuola. Sarà difficile, ma il tentativo costituirà l’unica strada per riportare il Pd nella scuola.

Questa voce è stata pubblicata in Politica, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.