La coerenza di Renzi

Ogni primo ministro sceglie i propri Ministri e sottosegretari coerentemente con la sua visione culturale e proposte operative. Fatta questa premessa non  esiste nessuna incoerenza formale nel l’identificare le dichiarazioni della Giannini o di Reggi con l’dea che Renzi ha della scuola. Detto questo, qual è il pensiero di Renzi sulla scuola, al di là dei proclami, degli annunci e dei proclami? Sul Web si può leggere il suo programma che sostanzialmente è un aggiornamento del Proposta di legge  Aprea,  formalizzata per la prima nel libello “Una scuola che non c’è” (2001, Liberal libri ) e questo rappresenta uno dei tanti esempi della scomparsa della sinistra culturale. Bene cosa si legge nella piattaforma renziana? Ecco il copia/ incolla del testo che tutti dovrebbero conoscere ( in grassetto le parti significative):

  1. un forte investimento sulla scuola e, in particolare, sulla formazione e l’incentivazione degli insegnanti, sull’edilizia scolastica e sull’upgrade tecnologico della didattica;
  2. la valutazione degli istituti scolastici attraverso il completamento e il rafforzamento del nuovo Sistema di Valutazione centrato sull’azione di Invalsi e Indire, con la prospettiva di avvicinare gradualmente il nostro modello a quello britannico centrato sull’azione della Ofsted;
  3. incentivi ai dirigenti scolastici basati sulla valutazione della performance delle strutture loro affidate;
  4. una revisione complessiva delle procedure di selezione e assunzione dei docenti, basata sulle competenze specifiche e sull’effettiva capacità di insegnare;
  5. una formazione in servizio per gli insegnanti obbligatoria e certificata, i cui esiti devono contribuire alla valutazione dei docenti e alle progressioni di carriera, basata su un mix di: aggiornamento disciplinare, progettazione di percorsi con altri colleghi, aggiornamento sull’uso delle nuove tecnologie per la didattica, incontri con psicologi dell’età evolutiva o con medici per capire come affrontare handicap o disturbi di apprendimento sui quali la scienza ha fatto progressi.
  6. la valutazione e incentivazione degli insegnanti, attivando in ciascun istituto scolastico un meccanismo finalizzato all’attribuzione di un premio economico annuale agli insegnanti migliori, scelti da un comitato composto dal preside, da due insegnanti eletti dagli altri (cui andrà il 50% del premio e che non potranno ovviamente essere selezionati per il premio intero) e da un rappresentante delle famiglie eletto dalle stesse, sulla scorta del progetto pilota “Valorizza”, già sperimentato in quattro province nel corso del 2010-2011.

Le proposte di questi giorni e non solo, rappresentano una migliore definizione questi enunciati. Infatti l’On. Reggi mette al centro del nuovo profilo docenti formati e aggiornati obbligatoriamente ( inizio punto 5)  impegnati in progetti ( parte centrale del punto 5 ) valutati ( punto 6 ) dal Dirigente che sarà incentivato sui buoni risultati ottenuti ( 8 punto 3 ) Ovviamente tutto questo lavoro in più riceverà un riconoscimento economico ( punto 6 ). Da questa breve comparazione si evince una certa coerenza tra il piano e gli atti governativi che presto verranno adottati ( non c’è da fidarsi sulla retromarcia del sottosegretario Reggi ). Quello che mi lascia molto perplesso sono molte dichiarazioni , anche di sindacalisti,  all’insegna dello stupore, della meraviglia. Eppure le premesse ci sono e sono scritte nero su bianco fin dal 2010. Forse è il risultato di un certo atteggiamento a dare maggiore peso agli annunci a contenuti zero e meno ai fatti. Questo però è il limite non solo del settore formativo, ma di tutto il Paese. Diversamente non avremmo avuto quasi vent’anni di governi berlusconiani  vestiti all’occorrenza di bianco e di rosso  con quest’ulltima appendice: Renzi