“Culpa in vigilando”: liberatorie inutili e pericolose

sentenza1

Molti colleghi, ma anche altrettanti istituti attraverso i loro Regolamenti d’Istituto, ammettono la pratica delle liberatorie. In sintesi, sono delle dichiarazioni dove i genitori “liberano” i docenti da ogni responsabilità, soprattutto nel tragitto scuola-casa. Di fronte a un giudice questa dichiarazione può ritorcersi contro il docente, in quanto implicitamente è un’ammissione dell’esistenza di un obbligo di vigilanza del docente nei confronti del minore. Quindi pratica inutile e pericolosa. Il  dovere di vigilanza, si fonda sul diritto del minore di essere tutelato e protetto. Questo diritto non è trattabile. Giuridicamente si è minore fino al giorno prima di compiere diciotto anni, come ha confermato una sentenza .
Esiste un progetto di legge tendente a limitare la responsabilità civile e penale dei docenti (  n. 325/2013 ). Ma il suo iter risulta molto lento.
Invito a leggere l’articolo qui sotto che illustra questo progetto, inquadrandolo nel più ampio contesto della responsabilità del docente al momento dell’uscita dell’alunno o studente.
Responsabilità dei docenti