“Culpa in vigilando”. L’importanza del Regolamento d’Istituto


Qualche giorno fa è apparso sul sito Tecnicadellascuola.it un articolo di L. Ficara che tratta della gestione del minore in caso di ritardo – sistematico e non – del genitore.
Interessante il seguente passaggio:
” Nei regolamenti d’Istituto ben scritti è normata, con chiarezza e nel rispetto della normativa vigente, la situazione dell’assenza del genitore all’uscita di scuola e il modo con cui i bambini verranno custoditi dalla scuola… Se il problema del ritardo persiste nel tempo ed è cronico, la scuola potrà anche avvisare le autorità di polizia per indagare quali sono i motivi di questi abbandoni temporanei del minore.”
Il richiamo al Regolamento D’Istituto conferma la tesi di un mio intervento .
Il documento, non sempre conosciuto dagli insegnanti e valorizzato dalla comunità scolastica, ha il grande merito, in questo caso,  di “proteggere il docente” da eventuali denunce di abuso di autorità, Chi frequenta le aule, sa benissimo quanto i rapporti con l’utenza siano peggiorati. I motivi sono diversi, ma riconducibili sostanzialmente alla perdita del prestigio sociale della scuola. Il docente che traduce nella quotidianità ” le direttive” del Regolamento d’Istituto, si libera del profilo “privatistico”, individuale,  che caratterizza tante situazioni di “attesa dell’adulto”. In altri termini, si dà l’addio a tutti quei comportamenti non previsti dal Regolamento, restituendo al docente il suo profilo istituzionale e di pubblico ufficiale, regolato da protocolli e procedure che fanno riferimento alla legislazione scolastica.  A questo si aggiunge anche il vantaggio di liberarsi di quei contraccolpi psicologici come la rabbia, la frustrazione prodotti dalla percezione di sentirsi  un soggetto separato dal progetto dell’Istituto di appartenenza, percepito. spesso senza ragione, come un documento burocratico.
Ora per vivere serenamente le situazioni di “attesa del genitore” è indispensabile leggere il Regolamento, integrandolo delle parti mancanti e comportarsi infine di conseguenza. Impresa non sempre facile, sicuramente però utile per ridurre il tasso di stress che purtroppo caratterizza la nostra quotidianità.