” La gabbia dorata”: la nostra condizione post-moderna

13600109_1226000387411401_7704171592347894939_n

Ottima sintesi della nostra condizione postmoderna. E’ la “gabbia dorata” dalla quale nessuno di noi intende uscire. Siamo narcotizzati dagli apparenti benefici;  libertà, soddisfazione dei nostri bisogni… I dazi da pagare, invece, sono tanti: siamo stati monadizzati, cioè i legami sociali sono diventati deboli o si sono dissolti, lasciandoci completamente soli, antropologicamente vicini alla massima hobbesiana  “Homo homini lupus “, condizione ideale per i cosiddetti poteri forti che hanno di fronte individui disaggregati. E’ il trionfo del detto latino ” Divide et impera”!  Inoltre la nostra prospettiva è stata annullata in un presente eterno e replicabile nell’apparente oltre. Il futuro che aveva caratterizzato l’avvento della modernità è stato espulso, reso straniero. In questa ” notte del mondo ” ( M. Heidegger ) caratterizzato dal dominio delle “passioni tristi” ( B. Spinoza ), siamo esposti all’ “ospite inquietante del Nulla” ( F. ., Nietzsche ) incapaci di andare oltre  l’ultimo uomo, dando forma all’oltreuomo, figura simbolica, capace di dare un senso all’appartenenza alla terra, senza illusioni.
In questa “gabbia dorata” si è creato un corto circuito tra la teoria e la prassi di marxiana memoria. In molti casi  siamo ancora capaci di elaborare una riflessione sulla nostra condizione inautentica, impotenti però di farla seguire da una prassi che rifiuta la realtà come immodificabile. L’ ” in sé” domina sulla nostra condizione umana. Abbiamo narcotizzato il nostro ” Esser-ci” ( M. Heidegger ) espellendo il ” per sé ” ( J. P. Sartre ) in una forma pesante, aprogettuale e nello stesso tempo “liquida”( Z. Bauman ), dove l’Io è una variabile dipendente del turbocapitalismo.
Dobbiamo pertanto rassegnarci alle passioni tristi? No, certamente, ma la condizione  di partenza è la consapevolezza che la realtà intorno a noi dipende solo da noi, per dirla con il migliore idealismo tedesco ( Fichte, Hegel ) il fuori, l’oggetto è una costruzione del soggetto, la cui azione può superare la realtà apparentemente data, solo se recupera  il senso comunitario del proprio esserci nel mondo.