La sinistra. Tra il dire e il fare…


Dopo il 4 dicembre il governo, in primis il Pd, sta provando con diversi messaggi a ricucire lo strappo con il mondo della scuola. Ricordo che  dopo due settimane dall’appuntamento referendario  R. Speranza, esponente bersaniano, dichiarava ” Abbiamo perso sulla questione sociale…Quando si apre a un tavolo con gli insegnanti e gli studenti per cambiare la Buona scuola? ” ( 18/12/16 ). L’esponente lucano è ritornato in questi giorni con la seguente dichiarazione sul suo profilo Fb: ” Ascoltare insegnanti e studenti è l’unica strada per ricucire lo strappo che c’è stato con il mondo della scuola. Spero che il confronto aperto in commissione alla Camera porti buoni risultati. Serve umiltà. Non arroganza”.
Qualcuno si sentirà rincuorato da queste dichiarazioni. Finalmente si cambia!
Magari! Ci vogliono atti, decisioni concrete che superino lo scenario prospettato da un felice titolo di un lavoro  del giornalista Piero Sansonetti ” La sinistra è di destra!” Gli esempi non mancano! In una settimana presenti un provvedimento di legge che abroghi  la “Buona Scuola”,  figlia del Progetto Aprea ( esponente del Pdl ). Tra i tanti effetti nefasti la 107/15 ha di fatto superato l’idea dell’istituzione  come comunità scolastica, introducendo con “il bonus del merito” elementi di  conflittualità e contrapposizione, indebolendo  la categoria  con il “divide et impera”. Scenario in netta discontinuità con il profilo di una sinistra che esaltava la dimensione comunitaria. Il Pd “cambiverso”, voltando le spalle alle politiche della destra berlusconiana , abrogando  le classi pollaio,  restituendo  gli otto miliardi prelevati forzatamente al mondo della scuola ( Gelmini-Tremonti ) e mettendo sostanzialmente fine alla stagione  del blocco dei contratti statali, iniziata da Berlusconi nel 2009 e interrotta finalmente  dalla sentenza della Massima Corte ( 24 giugno 2015 ). Se il Pd non farà nulla, e probabilmente sarà così,  confermerà la sua condizione di prigioniero in una “gabbia dorata” che si chiama “finanzcapitalismo” ( L. Gallino ), dimostrandosi incapace di riaprire un discorso verso un futuro fatto di affermazione e dilatazione dei diritti sociali ( lavoro, istruzione… ), in perfetta continuità con il riformismo europeo di sinistra, che si contrapponeva all’anima rivoluzionaria e di strappo. Se le tante dichiarazioni di ” cambioverso” non si tradurranno in fatti, allora avremo la conferma che il  Pd è incapace di “Pensare altrimenti” ( D. Fusaro ),  confermando il corto circuito tra teoria e prassi e quindi l’esaurimento della spinta propulsiva verso un futuro “altro”, nobilitante per la persona e la comunità nella quale è inserito. E’ difficile capire di cosa è fatto il  combustibile del Pd: rosso, verde, altro…? Medesima difficoltà è comprendere la metà verso la quale tende. In questo andare ondivago, espressione  della sua liquidità, contrapposto alla “densità ideologica”, si ha l’impressione che stia cercando una propria identità. Glielo auguro, di cuore! E l’auspicio proviene da un ex simpatizzante della sinistra, che si batteva soprattutto per i diritti sociali,  meno per quelli individuali. In altri termini, per quella sinistra che aveva come riferimento l”idealismo tedesco, Gramsci.. e non la deriva nichilistica di F. Nietzsche o la disperazione dell’esser-ci ( M. Heidegger ) che grida “Neanche un dio può salvarci”, di fronte all’impoderabile movimento dell’Essere.