L’insegnamento non attira più! Non mi dire…

insegnante sfruttato
Ogni tanto leggo articoli di giornali o su riviste specializzate che presentano lo stato di crisi che circonda l’insegnante.
Bene, se ci fermiamo alla registrazione, al ” fatto”, rischiamo di fermarci come scriveva F. Hegel ad “osservare l’albero, ma non la foresta”.
Quali le cause di questa “desiderabilità” verso l’insegnamento.
Innanzi tutto la scarsa attenzione delle nuove generazioni verso la professione-insegnante deve essere inquadrata nella più grande crisi che sta investendo la scuola. Questa istituzione ha perso il suo fondamento che si chiama futuro. Viviamo in un contesto “liquido” dove il futuro, come categoria e prospettiva “altra”è tramontata. Il quadro è stato confermato anche dall’ultimo Rapporto Censis
La scuola non è un’istituzione che si identifica con il presente. Il futuro è la sua prospettiva. Questo si declina nella formazione dei ragazzi, nella traduzione quotidiana di un profilo pedagogico che rimanda ad un’idealità, a una visione prospettica. E’ indubbio che la crisi della scuola dipende anche da una didattica che  immagina un ragazzo ancora inserito in un contesto culturale, sociale ed economico che non esiste più. Un fare scuola che non si rapporta con le nuove sfide della società 2.0 e 3.0…
Da qui ne consegue anche la caduta di prestigio sociale ed economico del docente. Per quanto riguarda il primo aspetto gli esempi sono diversi: le violenze fisiche e psicologiche sui docenti, la percezione di essere considerati dei lavoratori a bassa complessità ( le tante ripetizioni private  fatte da persone incompetenti ),  l’irricevibile e indecente proposta contrattuale degli 85€ lordi “spalmati” in tre anni con la complicità dei sindacati della scuola che ” a corto di prospettiva” stanno portando avanti il piano financapitalista ( L. Gallino ) di superamento dell’istituzione scolastica, a favore di un modello di istruzione ” fai da te” e a velocità diversa, dipendente molto dalle possibilità economiche del cliente. Così operando, però,  stanno decretando anche la loro estinzione.  
Articolo