PNSD: la verità nascosta dal Miur

accountability1
Una settimana fa il Miur ha invitato le scuole a confermare il nominativo dell”Animatore Digitale e quelli relativi al team Innovazione ( Nota 7 ottobre 2016). Tale richiesta è motivata per via “del piano straordinario della mobilità del personale docente, nonché a seguito del dimensionamento delle istituzioni scolastiche”.
Nella prima parte della nota,  ravviso un’incongruenza con l’impegno dell’Animatore Digitale a svolgere questa funzione per tre anni nel proprio Istituto. Questo ovviamente diventa stringente, in presenza di un contratto di prestazione firmato dal docente interessato. Ma quanti stanno operando con un vincolo contrattuale? Sarei interessato a conoscere il dato.
Vorrei, invece soffermarmi sulla parte di verità non detta dal Miur. Mi giungono voci ( non c’è nulla di ufficiale e di scritto ) che le dimissioni da questa funzione  hanno superato il 50%. Il valore percentuale, significa che più di 4150 docenti hanno rinunciato all’incarico. Quindi la nota del Miur nasconde questa notizia. Del resto, dal suo punto di vista, è più che giustificabile. Ma oggi con l’aumento dell’informazioni dovuto anche al contributo della Rete, è difficile nascondere i “fatti”.
Detto questo, mi auguro che il Miur riprenda in mano il Piano Nazionale Scuola Digitale, soprattutto nella parte economica, definendo risorse certe per l’immane lavoro ( più di trenta azioni complesse da svolgere nel triennio  )  dell’Animatore Digitale. Diversamente fra qualche mese il PNSD assomiglierà ad una nave abbandonata dall’equipaggio e lasciata alla deriva. Un altro simulacro all’inefficienza!!!