Paolo Crepet cade in contraddizione

Paolo Crepet

Il noto psichiatra esprime una certa ambiguità sulla condizione e degli insegnanti.

Paolo Crepet ha rilasciato una nuova intervista. Si evidenzia una profonda contraddizione con un’altra di qualche giorno fa. Occorre che egli chiarisca da che parte si colloca rispetto alla nostra condizione.

Paolo Crepet l’ultima intervista

Paolo Crepet sta rilasciando diverse interviste. Non sempre rimandano ad un pensiero unitario. E’ il caso di quella pubblicata su tecnicadellascuola.it:
Dagli anni ’70 sono entrate le famiglie. E questo è stato un disastro, perché ognuno si sente alla pari di chi insegna da 30 anni”. Si entra nelle aule  e si inizia a sindacare sui voti, sul 4 o 5 al figlio o al nipote. Così si forma un insana competizione”. Negli anni è venuto a mancare il potere d’acquisto. Ai miei tempi il maestro era un signore. Oggi con 1200-1300 euro al mese l’insegnante è un poveraccio. Per cui le famiglie pensano che ‘quello non è un insegnante. E’ uno sfigato!”.

Paolo Crepet entra in contraddizione

La dichiarazione registra situazioni e rapporti che gli insegnanti vivono ogni giorno. Risulta, però  contraddittoria rispetto ad un’altra, commentata su questo blog e sintetizzata in questo passaggio: Gli insegnanti devono tornare a fare gli educatori, non gli istruttori” Scrivevo che il suddetto pensiero giustificava il demansionamento della nostra funzione, divenuto ormai  uno schema mentale diffuso. Di fronte a questa ricollocazione in un contesto valoriale senza istruzione, il giusto riconoscimento economico è quello criticato ( 1200-1500) da Paolo Crepet. Il noto psichiatra, inoltre, quando dichiara “La scuola deve tornare a produrre educazione, perché l’istruzione si può avere anche studiando a casa o in qualsiasi altro posto” offre una sponda a coloro che hanno sostituito il termine “insegnante” con “missionario”, “volontario dell’educazione”. Da qui la percezione di un profilo lavorativo ibrido, che favorisce l’indeterminatezza del proprio ruolo.  Lo step finale è quello di attribuire all’insegnanter il profilo di sfigato (Crepet).
Invito lo psichiatra che ben conosce la “fatica” e la complessità dell’essere umano e il difficile compito a formare “l’uomo e il cittadino” a chiarire il suo pensiero. Dopo potremo trarne le dovute conclusioni! Nella peggiore delle ipotesi, avremo un’ulteriore conferma del nostro declassamento. Quindi nulla di nuovo sotto il sole!

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.