Posted in: Classi pollaio, Diritti, Tutti gli articoli

Parole in libertà

GIANNINI

Se avete la pazienza di leggere questo articolo diritto allo studio , apparso sul giornale “L’Unità” ( 10.07.15 )  vi accorgerete di quanta demagogia e di parole al vento è pieno questo governo.
Si parla di diritto allo studio. Ora il concetto può essere declinato, accentuando il suo carattere formale  presente nell’art 34 della nostra Costituzione, dove si parla di una scuola aperta a tutti. Obiettivo che è raggiunto quando l’Amministrazione rimuove tutti quegli ostacoli che impediscono la frequenza ( fornitura dei libri, tasse scolastiche…). Oggi possiamo affermare che l’uguaglianza in entrata  caratterizza tutta la scuola primaria e secondaria di primo grado, anche attraverso diversi sussidi e/o all’esonero parziale o totale dal pagamento della mensa scolastica in rapporto all’ISEE. Discorso diverso invece, quando ci riferiamo al diritto allo studio, inteso come diritto al raggiungimento dei traguardi formativi. Il concetto è spesso presentato come diritto al successo scolastico, grazie anche all’impegno dell’Amministrazione nel rimuovere tutti quegli ostacoli che impediscono il conseguimento del suddetto obiettivo.
Ora l’articolo del Ministro fa cenno a questo diritto, quando lo presenta come richiesta degli studenti  per migliorare l’accesso alla conoscenza. Poi però abbandona questo “profilo costituzionale” addentrandosi in un ragionamento meno esposto alle critiche. Identifica, infatti,  il diritto allo studio  con l’eguaglianza sostanziale conseguita ” combinando e integrando le differenze e trasformandole in opportunità”.
Bel ragionamento!!! Ora però voglio riportare il Ministro alla realtà , chiamata “aula”, dove interagiscono 28-32 studenti o alunni. Quest’ambiente sovraffolato, difficilmente potrà diventare un luogo di apprendimento, di inclusività, diventando anche la “Caporetto” di ogni insegnante di qualità. Non avere abolito le classi pollaio, accogliendo ad esempio la proposta del mondo scientifico di riportare il numero degli alunni per classe a 16-20 o quella leggermente “peggiorativa” contenuta nella L.I.P, rende poco  credibile ogni discorso sul diritto al successo scolastico. Sicuramente favorisce la percezione di una “Buona Scuola” non allineata con la Costituzione e quindi lontana dal raggiungimento sostanziale del profilo di uomo e cittadino. Se poi aggiungiamo la conferma di un governo e di un Presidente del Consiglio non legittimato dal voto popolare che si basa sulle chiacchiere in libertà, allora…
Si legga un mio precedente articolo dove spiego perché le classi pollaio sono state confermate
http://maestroscialpi.altervista.org/opnioni/le-classi-pollaio-scopriamo-il-trucco/