Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Pd senza…

 2533398-renzi_assemblea_pd

Il “Fatto quotidiano” di ieri  ( 25.07.16 ) proponeva un interessante reportage sull’assenza delle Feste dell’Unità. E’ la conferma di un “partito , liquido ( il Pd ) , senza una precisa identità culturale . Questa scomparsa fa coppia con la chiusura di molti circoli. Tradizionalmente questi due luoghi proponevano dibattiti, discussioni, analisi e in alcuni casi confronti anche fortemente contrapposti dove al centro c’erano le idee.
Il Pd senza sedi, centri  e occasioni culturali è coerente con la visione di un partito leggero,  personalizzato e quindi fortemente identificato con il profilo dell’ uomo solo al comando. E’ una caratteristica dei partiti postmoderni, generati dal “pensiero debole” ( G. Vattimo ), dove la prospettiva a lungo termine non esiste più e l’agenda politico-culturale è dettata da strutture e poteri sovrannazionali. La conseguenza di tutto questo è l’espulsione del futuro, come progetto che superi la dimensione totalizzante del presente, desertificato di ogni “ oltre” e “altrimenti”. In questo contesto la cultura che anticipa il “ domani”, ha perso il suo significato. Questo deserto giustifica, come scrivevo sopra, l’affermazione dei partiti che si identificano in un uomo solo. Nel recente passato Il processo ha avuto come suo “padre nobile” B. Craxi, poi S. Berlusconi e attualmente M. Renzi.
Dispiace tanto constatare che il partito fondato da A. Gramsci che aveva  confermato l’idea marxiana della relazione tra teoria e prassi trasformatrice sia diventato organico, strutturale alla logica capitalistica,  e quindi indistinguibile, indifferenziato rispetto agli altri partiti di destra. Faccio mia la richiesta di N. Moretti: che chiedeva, se non sbaglio a M. D’Alema, di dire qualcosa di sinistra che  poi conduca all’azione, altrimenti come afferma D. Fusaro si fa solo apologia indiretta del sistema capitalistico, nuova forma ideologica postmoderna.