Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Perché mi piace ” Maestro”

Immagine

Sono un maestro elementare. Non mi considero però pedagogicamente gentiliano. Certamente lo sono filosoficamente. Sono affascinato da suo “attualismo”, ma sono lontano dalle sue  scelte politiche.
Sono maestro, e sono orgoglioso di questa definizione. Lo scrivevo qualche giorno fa. Ritengo importante fornire agli alunni le bussole per orientare la loro formazione culturale, basata su un sapere solido e “liquido” nello stesso tempo che si struttura e destruttura continuamente, grazie al suo imparare ad imparare”. Un sapere sempre situato storicamente e condiviso.
Mi piace pensare che posso contribuire alla  formazione di un pensiero critico, libero perché basato su un sapere solido, reticolare, sempre aperto al futuro, che però valorizza  il passato.
Mi piace pensare che il nostro lavoro di maestri è rivolto  all’oltre. Formare al futuro cioè  alle  ripartenze  e alle rinascite continue, dove ogni traguardo costituisce solo uno Start.
Scriveva  A. Camus, scrittore esistenzialista:
 Non camminare davanti a me, potrei non seguirti.
Non camminare dietro di me, non saprei dove condurti.
Cammina al mio fianco e saremo sempre amici.”
Ovviamente non condivido quasi nulla. Invece ritengo che l’educazione sia un cammino da fare insieme, accanto, mai dietro o davanti.
Ho trovato questo articolo nel quale molto mi ritrovo abbastanza
Perché maestro?”