Posted in: Legge 107/05, Tutti gli articoli

Pessima mossa del Miur!!!

 

 

scorretti

La riforma si sta giocando su due fronti: uno parlamentare che per sua natura diventa pubblico, esposto alle luci della ribalta. Oggi si dice “mediatico”. Quindi più soggetto a controlli, al rispetto delle regole. Il secondo piano, invece, è quello nascosto, chiuso in una stanza del funzionario di turno che per ragioni varie ( convenienza o opportunismo politico, concretezza ) , firma circolari che mettono in moto procedure non ancora normate. , E’ il caso del comportamento scorretto messo in atto dal Miur. Si legge, infatti, sul “Corriere della Sera che il Ministero dell’Istruzione ha emanato una circolare nella quale si può leggere: «Nelle more della conclusione dell’iter parlamentare di approvazione del disegno di legge si invita codesta dirigenza scolastica ad individuare le aree omogenee di attività e i relativi fabbisogni di personale secondo l’allegata scheda, avendo cura di specificare, per ciascuna area, le classi di concorso di riferimento».
Insomma al Miur la “Buona scuola” è già diventata legge dello Stato. L’Usr più solerte è stato quello dell’Abbruzzo, il quale dopo le numerose proteste e perse di posizione di sindacati, insegnanti sui social Network, ha dovuto immediatamente fare dietrofront. Quale la morale? Occorre tenere alta la guardia, denunciando ogni tentativo di far passare una riforma “ in sofferenza” al Senato, presentandola come una “sperimentazione obbligatoria” attraverso un atto amministrativo. La politica ci ha abituato a questi “mezzucci”, pur di raggiungere lo scopo. Del resto non lo scriveva nel 1513 N. Machiavelli: “ il fine giustifica i mezzi”?