Posted in: Tutti gli articoli

Petizione “Professione Insegnante”, per un aumento dignitoso, oppure…

Professione Insegnante
Professione Insegnante


Diventa sempre più consistente il numero delle adesioni alla Petizione del gruppo Facebook “Professione Insegnante” di cui faccio parte anch’io.

Gruppo “tosto”, concreto, pochi fronzoli. Molta sostanza!
La natura di questo gruppo non poteva ignorare la questione contratto e in particolare la parte economica. Salvo Amato,  fondatore dell’associazione, parla di “adeguamento” e non di “aumento” al tasso di inflazione dal 2008.  I sindacati più rappresentativi vogliono offrirci, invece, “un piatto  di lenticchie”.
Invito a firmare la petizione, che ho già condiviso nei giorni precedenti.  Siamo già oltre 70.000! L’obiettivo è tagliare il traguardo delle  100.000 firme. Mi auguro che i sindacati si fermino a pensare prima di fermare.

Copio e incollo, la comunicazione inviata ai sindacati più rappresentativi, presente nella pagina. Qui è possibile firmare la petizione

Noi insegnanti diffidiamo i sindacati della scuola: Flc Cgil, Cisl scuola, Uil scuola, Snals- Confsal e FGU dal sottoscrivere un contratto che preveda un aumento medio di soli 85 euro lordi mensili nel triennio 2016/18, peraltro non per tutti e distribuiti in parte con un meccanismo premiale.
Occorre trovare risorse aggiuntive per un aumento di almeno 200 euro netti mensili, a invarianza di oneri contrattuali, per incrementare il potere d’acquisto delle nostre retribuzioni ferme ormai dal 2008, con una perdita netta di 135 euro netti mensili, calcolando solo il dato dovuto alla perdita di potere d’acquisto.
Nel caso della sottoscrizione del contratto, gli insegnanti iscritti, in segno di protesta, revocheranno la loro iscrizione ai sindacati firmatari.

Ecco la versione volantino da stampare.