Piano di formazione: il peso del compenso

5746img11657-971
Sul sito Agenda Digitale è apparso un interessante articolo ” Gli insegnanti tornano a studiare… riguardante il preannunciato Piano di formazione.
Non mi soffermo sulle tante riflessioni teoriche che condivido. Vorrei, invece porre l’attenzione sulla criticità riguardante il compenso,   presente anche  nel PNSD, in modo significativo tanto che ho l’impressione che ne stia condizionando la riuscita.
Verso la fine e all’interno del paragrafo ” Le possibili criticità del piano…” si legge:
I “costi orari” della ammessi per la  retribuzione dei formatori sono molto bassi 45 euro lordi per i docenti della scuola e 70 euro lordi che comprendono anche le spese di viaggio e trasferta e questo spesso manda deserti i bandi o ammette al ruolo di formatori soggetti poco qualificati.
Qualche “purista” criticherà questa mia eccessiva attenzione sull’aspetto economico, dicendo che la nostra azione non può ridursi solo al compenso, ma vive di passione. Verissimo, ma questa deve essere aiutata anche dal riconoscimento economico. Diversamente può favorire lo sfruttamento da parte dell’Amministrazione ( si pensi agli AD o al team per l’innovazione, ai compensi irrisori dei commissari d’esame per il recente concorso-scuola…).
Occorre tener presente  anche il contesto di “vacche magre”.. In altri termini, gli operatori scolastici hanno il contratto fermo dal 2009, gli scatti stipendiali praticamente fermi. Ci restano solo le briciole del merito. E quindi non sono molto predisposti a lavorare tanto e quasi gratis!
Medesimo discorso per i docenti-discenti, ignorato nell’articolo. Ne ho già parlato in un precedente intervento ( ” Dubbi sulla formazione obbligatoria “)

Questa voce è stata pubblicata in Formazione, Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.