Posted in: PNSD, Tutti gli articoli

Piano nazionale scuola digitale: ” la parte illuminata della luna” non è…

Immagine
In questi giorni ricorre il primo anniversario della legge 107/15, celebrato con delle diapositive   ( non mi piace il termine slide ) che presentano i risultati conseguiti dalla  “Buona Scuola”. A questo evento non poteva mancare anche una sorta di primo resoconto dell’attuazione del PNSD, supportato presso il sito “Agenda digitale” anche da un articolo di Paolo Ferri.
Il denominatore comune dei due documenti è presentare “la parte illuminata della luna“. In altri termini le figure introdotte e le opportunità offerte e le iniziative portate a conclusione.
Pertanto si parla di Animatori digitali, Team d’innovazione, formazione e atelier creativi… e dei tanto milioni di € stanziati. Quindi tutto bene? Non direi! Ho l’impressione che i responsabili  non si rendano conto della possibile implosione – a dire il vero P. Ferri accenna ad alcune criticità, senza però mettere in evidenza le “vere mine ” –  di tutto il Piano Nazionale Scuola Digitale   a settembre. Meglio: la consapevolezza esiste, probabilmente però il mettere in risalto i risultati conseguiti, risponde alla stessa strategia, chiamata storytelling renziano, sintetizzato nel ” prima di me il diluvio, da ora in poi il sole dell’avvenire e dell’ottimismo
Quali elementi critici sono doverosamente nascosti?
I risultati conseguiti come  gli atelier creativi e altri progetti  sono il risultato di un lavoro svolto quasi gratis dagli Animatori Digitali. L’ottima fattura di molte  iniziative condotte da queste nuove figure certificano quante competenze informatiche esistono nelle scuole, quasi tutte conseguite frequentando il Web o pagando di propria tasca corsi frontali o offline. Purtroppo queste professionalità scivolano nel puro volontariato o nella migliore delle ipotesi in un lavoro sottopagato. Configurazione che dipende dalla sensibilità del D.S., che eccetto rari casi non riesce ad proporre compensi oltre i 700 € lordi.  A dimostrazione di quanto scritto è sufficiente visitare uno dei tanti gruppi degli Animatori Digitali presenti nei social. Qui si possono leggere molti  interventi dettati dalla richiesta di ricevere un riconoscimento economico. Solo in un caso ho letto il post di un Animatore Digitale, che ha scritto di essere riuscito ad ottenere un compenso, guardandosi bene, però,  dal dichiararne la cifra. A questa condizione di “sfruttamento volontario e consapevole” delle condizioni di lavoro, si deve aggiungere l’impossibilità di avere un distacco anche solo parziale dall’insegnamento.
Ora queste ” due mine” (  mancato compenso ed esonero )  esploderanno a settembre, quando l’Animatore e il Team d’innovazione entreranno a pieno titolo nell’attività quotidiana di ogni istituto, sostituendo di fatto il lavoro della F.S. delle Tic. Il che significa che dovranno tradurre in azioni i tre articolati e impegnativi macrobiettivi presenti nel PNSD. Di fronte a questo compito immane, quanti non getteranno la spugna? Temo molti.
Chi non lo farà sarà tentato a  “giocare al ribasso”, portando avanti un programma minimale , sapendo che senza contratto nessuno mai potrà accusarlo di non aver rispettato i patti. Se le mie previsioni si attueranno presto il PNSD andrà “in sofferenza”, andando a costituire uno dei tanti  tentativi del Miur di “celebrare le nozze con i fichi secchi” .