Più tempo pieno al Sud buona soluzione ma…

 

Più tempo pieno

Più tempo pieno al sud. Buona l’idea, ma non con l’attuale configurazione.

Più tempo pieno al Sud, l’ipotesi è pienamente condivisibile, ma occorre riportare la modalità organizzativa al dettato della Legge 820/71, favorendo tutte quelle soluzioni pensate per conseguire il diritto allo studio sostanziale (art 3 e 34 della Costituzione italiana).

Più tempo al Sud buona l’idea, se fosse…

Il governo sembra intenzionato a potenziare il tempo pieno al Sud. Lo scopo è di arginare la dispersione. L’idea è buona, anzi ottima! Purtroppo esiste un “ma“. Mi riferisco alla configurazione dell’attuale tempo pieno. Diversa da quella proposta dalla Legge 820/71. Il disposto prevedeva, infatti la possibilità di  due ore di  compresenza tra i due titolari della classe. Molto utili per attività di recupero, individualizzazione o personalizzazione. L’innovazione aprì le porte alla sperimentazione delle “classi aperte”, che doveva facilitare il conseguimento del diritto allo studio sostanziale (art 3 e 34 Costituzione italiana)

Oggi il tempo pieno

L’attuale tempo pieno, però rappresenta una realtà diversa. Figlia e prodotto dello tsunami del finanzcapitalismo. Entrato nel mondo dell’istruzione con la Legge 133/2008 e D.M. 81/09 che ha azzerato le compresenze, depotenziando quindi il tempo pieno. La ragione di questo e di altri provvedimenti (classi pollaio), che portò alla contrazione di 87.000 docenti, risiedeva nel rendere compatibile il sistema formativo con lo stato della finanza.

 Occorre fare chiarezza

Quindi occorre comprendere quale tempo pieno si intende mettere in atto. Se fosse quello “gelminiano”, allora il mio giudizio sarebbe parzialmente positivo. Come anticipato sopra, ritengo ottima la soluzione di diffondere il tempo pieno al sud dove, secondo D. Ciccone (articolo scritto nel 2011, ma ripreso oggi dalla testata Edscuola ) il 98% delle scuole  “funziona a tempo “normale”, inteso come minimo, essenziale, ridotto all’osso…Solo le scuole che hanno il Tempo pieno “ storico” cioè presente da molti anni nella definizione degli organici, continuano a conservarlo mentre è del tutto impossibile ottenere nuove istituzioni di classi a tempo pieno”
Sicuramente la situazione non è  migliorata  rispetto al 2011. Diversamente Edscuola, non avrebbe “ripreso” l’articolo. L’alterazione imposta dal duo Gelmini-Tremonti   comporta alcuni problemi. Si legge, infatti nello stesso articolo: “Alla luce degli ultimi tagli, non è più possibile nemmeno organizzare classi a tempo pieno utilizzando le ore di compresenza eventualmente disponibili poiché non ce ne sono affatto.”

Occorre superare la L.133/08  e il D.M.81/09

Conclusione. E’ necessario che il governo, che si è definito del cambiamento, abolisca le nefandezze di M. Stella Gelmini. Solo il ripristino del tempo pieno secondo la prospettiva della Legge 820/71 consentirà di arginare la dispersione scolastica, prodotta anche dall’abbandono da parte del sistema scolastico delle soluzioni organizzative che facilitavano la personalizzazione dei percorsi formativi. Diversamente cambierà poco!

Questa voce è stata pubblicata in Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.