Posted in: PNSD, Tutti gli articoli

PNSD: finalmente si scende dal cielo!

CSPUYXSWUAAPfhQ-800x322

Finora ho letto molti articoli sul Piano Nazionale Scuola Digitale ( PNSD ) caratterizzati da tanti annunci, molto entusiasmo.
Ogni tanto c’era una timida apertura ad alcune criticità.
E’ di qualche giorno fa, l’intervento di A. Fini, che prende di petto la questione AD. Scrive il DS:  “E’ forse necessario fare qualcosa in più per gli AD? Sicuramente sarebbe opportuno chiarire alcuni nodi: la retribuzione prima di tutto ( il grassetto è mio ), ma anche la possibilità di essere impiegati parzialmente con compiti non di insegnamento nell’ambito dell’organico dell’autonomia”.
Ribadisco e sottolineo ” la retribuzione prima di tutto“. Il passaggio è all’interno di un più ampio ragionamento dove si coglie la consapevolezza che il PNSD potrà funzionare e conseguire i suoi numerosi obiettivi, declinati nelle tante azioni, che farebbero tremare i polsi a chiunque ( si legga il prospetto ), solo se potrà contare su docenti adeguatamente compensati per ogni anno di attività e messi in una condizione di lavoro meno stressante attraverso il semiesonero. 
Mi auguro che il Miur riprenda in mano la situazione trasformando il compenso e il semi -esonero da variabili dipendenti dalla contrattazione d’Istituto a indipendenti perché le decisioni sono state prese dal centro.
Lo dico da insegnante al quale è stata fatta la proposta, che ritengo valida,  ma che ha ritenuto di non accettarla per il momento, convinto che la complessità dell’impegno debba prevedere dei ritorni economici adeguati  e  condizioni lavorative facilitanti. Fuori dalla scuola, questo è quasi sempre  lo scenario!
Articolo di A. Fini