Posted in: Opinioni, PNSD, Tutti gli articoli

PNSD. La frattura tra gli annunci e la realtà!


A. Giuliani ha pubblicato sul portale tecnicadellascuola.it un interessante articolo ( Informatica, Fedeli: ormai fa parte della didattica. Come si fa se è connesso solo il 55% delle scuole ) che conferma tutte le mie perplessità sull’efficacia del PNSD. Dubbi che avevo espresso anche in un mio articolo. ( PNSD. Finalmente abbiamo una percentuale )
Da una parte il ministro continua nel copione, comprensibile dal suo punto di vista e in continuità con il suo predecessore, di presentare la realtà con tante luci abbaglianti. Dichiara, infatti, che si sta lavorando per conseguire l’obiettivo di “portare il laboratorio nelle classi”, che è stato stanziato un miliardo per il settennio 2014-2020… e altro ancora.
La realtà, invece è diversa. Si presenta con molte ombre e oscurità. La fotografia non è soggettiva, espressa attraverso opinioni o valutazioni preconcette, bensì partendo dai dati di due indagini patrocinate dal Politecnico di Milano e dalla Università 3 di Roma, con la collaborazione di ANP.
Bene, il dato che risalta è che solo il 55% delle ha una linea ADSL. Il dato conferma sostanzialmente quello da me rilevato sulla reale partecipazione degli Animatori Digitali all’attuazione del PNSD ( v. articolo citato in precedenza ).
Quindi due dati prodotti da fonti diverse, rimangono ancora degli indizi, ma con possibilità di diventare una prova. Meglio, una fotografia di una situazione che certifica lo stato di arretratezza tecnologica nel quale si trovano i nostri Istituti e di conseguenza la “sofferenza” sottaciuta dal Miur ed espressa solo da quel 55-60% di scuole che realmente stanno realizzando  Il PNSD.  Difficile esprimere un giudizio sulla qualità di queste azioni. Solo gli Animatori Digitali sono in grado di riferire qualcosa.
Sarei grato, quindi,   se essi pubblicassero un report, fatto di risultati raggiunti, di criticità rilevate, di mete difficilmente raggiungibili e…
Solo in questo modo possiamo conoscere le situazioni nelle quali si trovano le scuole, abbandonando ogni giudizio preconcetto.