Posted in: PNSD, Tutti gli articoli

PNSD. La scuola a due velocità


Riprendo il ragionamento accennato nel mio precedente articolo ( PNSD. Una “bolla digitale)
Il grande merito del PNSD è di aver riattivato un settore che stava soffrendo di un momento di stanca. Sono sorte molte pagine social di Animatori Digitali e diverse testate online e cartacee hanno ospitato le loro riflessioni ed esperienze. Queste spesso presentate con termini termini inglesi e francesi  come Webminar ( seminari online ), Workshop ( laboratori ) e atelier ( laboratori creativi ), certificano il nuovo dinamismo che sta caratterizzando l’implementazione del PNSD. Tutti ( mi riferisco non all’intera offerta, ma solo ai tanti visitati da me ) hanno come riferimento docenti  con competenze informatiche medio-alte. E gli altri? Mi riferisco al 43% dei docenti che incontrano grandi difficoltà nell’uso ad esempio dei Pc. Indubbiamente i problemi sono anche altri ( leggi articolo ) Comunque non ci sono segnali di attenzione verso i docenti digitalmente analfabeti. Essi sono  assenti! Invisibili! Sembra che a loro il palcoscenico del PNSD sia negato. Sono consapevole che “la vetrina” della Scuola Digitale”,  mal si addice alla presentazione di progetti “minori”, come i corsi di alfabetizzazione informatica, ritenuti scarsamente capaci di “bucare” i social o attirare l’attenzione di riviste. A tal proposito un AD “stuzzicato” da un mio articolo ( “AD, proponete anche l’abc“) mi rispondeva, che non riteneva adeguato al suo ruolo il compito di attivare corsi di alfabetizzazione informatica ( questo era sostanzialmente il senso del suo pensiero ). Si legge nell’ultimo Rapporto Censis : ” Quasi la metà dei dirigenti (47,6%) esprime il dubbio che il Piano accentuerà le disparità tra le scuole «forti», con esperienze pregresse, buona dotazione tecnologica e docenti formati all’uso delle nuove tecnologie, e le scuole che si affacciano ora al mondo digitale. Il 40% dei dirigenti delle scuole del Mezzogiorno fa riferimento a una «scuola digitale a due velocità».”
Il dato è confermato anche da diversi rappresentanti di libri scolastici che periodicamente incontro.
Per il successo del PNSD è necessario motivare e coinvolgere i maestri e i professori incerti nell’uso delle TIC. Anche questi fanno parte della scuola. Si legge nel PNSD: “Il Piano risponde alla chiamata per la costruzione di una visione di Educazione  nell’ era digitale, attraverso un processo che, per la scuola,sia correlato alle sfide che la società tutta affronta nell’ interpretare e sostenere l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita (life-long) e in tutti contesti della vita, formali e non formali (life-wide).”
Concludo. E’ molto più facile lavorare con docenti motivati e già alfabetizzati, piuttosto che con chi non non conosce il lessico informatico e le  procedure   informatiche di base. Un autoveicolo esprime tutta la sua potenza, se tutti i cilindri del motore girano. Diversamente rischia anche di fermarsi, compromettendo il conseguimento dell’obiettivo: arrivare a destinazione!