Posted in: PNSD, Tutti gli articoli

PNSD: “l’ultimo miglio” di D. Barca pieno di…

lll
A maggio è stato pubblicato un video di D. Barca Dirigente MIUR – Innovazione Digitale.
Bene, mi sembra un ottimo “spot”, fatto solo di inviti rivolti agli insegnanti coinvolti e di tanti luoghi comuni che però nasconde sotto il tappeto alcuni problemi. Questi rimandano alla qualità dei formatori , spesso non ritenuta all’altezza delle aspettative. Esiste poi un problema legato al reclutamento degli AD che rimanda alle scelte spesso ” imperscrutabili”  di DS, poco informati sul PNSD e  scarsamente dotati di conoscenze, capacità e competenze informatiche. E questo potrebbe aver determinato la scelta di docenti  con inadeguate capacità informatiche, rispetto ai compiti previsti nel PNSD. I prossimi mesi confermeranno o meno quest’ultimo dubbio.
A questi problemi, occorre aggiungere quelli che da diversi mesi sto ripetendo: l’incertezza di un compenso adeguato e il mancato distacco parziale dall’insegnamento. Questi elementi critici diverranno delle mine che a settembre probabilmente comprometteranno il proseguo del PNSD, con diverse dimissioni da parte di colleghi che hanno accettato l’incarico ” in attesa di capire le condizioni di lavoro”. In altri termini ci saranno colleghi che rinunceranno all’incarico, in quanto l’immane compito formalizzato nei tre macrobiettivi del PNSD non è adeguatamente compensato e facilitato nelle condizioni di lavoro ( esonero parziale dall’insegnamento )
Ho ascoltato più volte l’intervento di D. Barca. Bene, non ha mai menzionato la prospettiva, la  visione pedagogico-formativa che dovrebbe caratterizzare il Piano. E questo conferma che il termine digitale, nasconde solo un addestramento su procedure. Approccio molto distante dal nostro profilo di docenti, che abbiamo il chiodo fisso della formazione.
Intervento di D. Barca