Posted in: PNSD

PNSD, un check-up serio e non di parte

 

PNSD
PNSD la domanda purtroppo non ha risposte certe. Non siamo più ai primi sei mesi, ma quasi alla conclusione del triennio.

Il PNSD sta concludendo il suo triennio. Il tempo trascorso permette di individuare i contributi, ma anche le criticità. L’operazione è possibile solo partendo dai dati e numeri. Incontrovertibili, indiscutibili.

Il PNSD, la carenza di dati e numeri

Chi mi segue conosce la mia posizione critica sul PNSD. In sintesi, la prospettiva ridotta ad addestramentoil volontariato degli Animatori Digitali ( pessima definizione di un un ruolo strategico) e la mancanza di dati.
Ormai siamo alla conclusione del primo triennio del PNSD. E’ possibile valutare la sua riuscita, partendo dai dati. L’operazione è riuscita molto bene al Prof  Paolo Maria Ferri attraverso un interessante e chirurgico articolo dal titolo “Scuola, così quella italiana resiste alla rivoluzione digitale
La riflessione conferma uno di miei rilievi: la mancanza di dati.  Il Prof. Ferri si sofferma sulla carenza di informazioni certe sull’attività degli Animatori Digitali e sulla ricaduta didattica delle connessioni.

Qualche stralcio

 Si legge ” Non ci sono, poi, dati o ricerche sull’ attività degli animatori digitali, e il rischio, senza monitoraggio, e che gli animatori digitali, su cui poggia, quasi per intero (insieme ai dirigenti) l’attuazione del PNSD, si demotivino, senza incentivi e controllo, o agiscano in maniera non coordinata ed episodica, senza fare sistema. Ovviamente al netto di alcune virtuose eccezioni
Sull’uso delle connessioni a fini didattici P.M. Ferri scrive: “Ad esempio i circa ottomila plessi che hanno risposto al questionario dell’Osservatorio nazione scuola digitale, dichiarano quasi tutto di avere una connessione “dedicata” per le attività didattiche, ma poi le aule realmente connesse e cablate si attestano intorno al 60%. “

Una considerazione

Condivido la conclusione del Prof. Ferri: “è necessario e improrogabile attivarsi sul fronte del “monitoraggio” e della verifica dei risultati senza un istanza di controllo centrale (preferirei) o regionale l’attuazione del Piano è lasciata alla buona volontà dei singoli dirigenti.  Inoltre il Piano, soprattutto ora, che il quadro politico e istituzionale verrà di nuovo e imprevedibilmente rimescolato dalle elezioni di primavera rischia di essere bloccato almeno per tutto il 2018, come si sa in Italia l’insediamento di un nuovo governo rallenta i processi decisionali. ”
Nella conclusione ci sono tutti i presupposti per una riorganizzazione di tutto il PNSD che a detta del Prof. ha incontrato molte resistenze nei singoli Istituti. Occorre interrogarsi su questi “muri di gomma” alzati dalle scuole e ripartire.  Diversamente l’attuale PNSD sarà presto dimenticato e lasciato su un binario morto, arricchendo la “bacheca istituzionale” di un’altra iniziativa non riuscita.