Posted in: Classi pollaio, Tutti gli articoli

Presidente Renzi, abolisca le classi-pollaio

No-alle-classi-pollaio

Più leggo e rifletto sulla “Buona Scuola “ di Renzi e più mi convinco che il documento sia stato partorito da persone che non hanno mai frequentato  o hanno  dimenticato cosa significa “stare in aula”. Esperti, chiamiamoli così, che  ritengono che un sistema si possa e si debba riformare partendo dagli arredi  e non dalle fondamenta,. In altre parole, “La Buona Scuola” è l’ennesima trovata ingegneristica  pensata da persone che puoi incontrare in un convegno, dove i riflettori e la coreografia regnano incontrastati, ma che difficilmente trovi nelle aule spesso poco illuminate e  fredde a gestire  la complessa relazione educativa.
Il Presidente Renzi intende realmente rivoluzionare “ cambiare verso” alla scuola? Allora inizi dal cuore, da quell’ambiente dove si creano le relazioni  educative ed empatiche con gli alunni e gli studenti: l’aula, ROTTAMANDO  LE CLASSI POLLAIO!!! Chi entra e vive ogni giorno l’aula, sa benissimo  che con 25-32 alunni la dimensione educativa  e  ogni progettazione che punti all’inclusione sono fortemente compromesse. Ho sempre letto sui “sacri testi di pedagogia” che il numero ottimale per realizzare le finalità di una “scuola della Repubblica “ – il diritto alla formazione come tratto inalienabile della persona –  è di 15 alunni. Addirittura un filosofo come Umberto Galimberti, quindi un “inesperto” ha confermato in un suo intervento questo numero. E allora che aspetta, Renzi, il quale dovrebbe essere favorito in questa lettura pedagogica dalla presenza della moglie-insegnante?   Posso capire che  il ripristino di CLASSI EDUCATIVE fa parte di quelle cose “ del vorrei ma non posso”, soprattutto in questo momento di dissesto finanziario delle  casse statali. Ho scritto posso comprendere, ma fino a un certo punto, da insegnante realmente impegnato nella formazione delle persone  e da “esperto d’aula”  che ogni giorno si relaziona con il “domani” ( i nostri ragazzi ), verso il quale mette  in atto sempre più con difficoltà ( non per sua incapacità ) tutta una  serie di strategie relazionali, emotive e altro ancora e che una volta venivano chiamate “ la cura dell’alunno”, mentre oggi mi piace definirle con un aria di R. Cocciante “ Occhi negli occhi”.  Dal Presidente Renzi, rottamatore e uomo della discontinuità e del “ cambio verso” rispetto anche allo “tsunami Gelmini” mi sarei aspettato un altro approccio per rimettere al centro la scuola, cioè la dimensione “calda” costituita da relazione, emotività  e altro ancora dalla quale dipende tutto il resto
Bene, propongo al Presidente Renzi e a tutti i suoi “esperti” il piano B : applichi l’indicazione di 22 studenti per classe, contenuta nella  L.I.P. e contestualmente ripristini le compresenze nella primaria e le introduca ad esempio nella scuola secondaria di primo grado. Se nulla accadrà avrò purtroppo la conferma  che Renzi non è una persona  di rottura rispetto al  passato, bensì  un  “continuatore” delle politiche della destra che attraverso il duo Gelmini-Tremonti ha sempre considerato alcune le riforme della scuola  come un “ costo che non possiamo permetterci”, dimostrando  una profonda incapacità a considerare il futuro come una variabile dipendente dalle scelte di oggi. Ma un Paese povero di petrolio e di altre risorse naturali , quale futuro può avere se non valorizza il suo capitale umano?