Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Primi effetti della ritirata di Renzi

 

La decisione di M. Renzi di “sparire mediaticamente” dopo la sconfitta referendaria, inizia ad avere i suoi effetti. Le persone iniziano a dimenticare i fatti. Ad essi subentrano le opinioni e peggio ancora l’oblio.
A cosa mi riferisco? Al sondaggio di N. Pagnoncelli presentato a ” Dimartedi” (17.01.17).
Si chiedeva di individuare i responsabili del buco di 3,4 miliardi di €, certificati dalla Comunità Europea. Bene, direi male, il 65% degli intervistati si divide tra un’opinione   non fondata sui fatti ( “accanimento dell’Europa…)  e una totale perdita di memoria  ( “Non sa, e non indica” ), ignorando che l’origine di questo guaio finanziario è da ricercare nella legge di Stabilità 2017, proposta da Renzi.
Mi sembra di rivivere la stessa situazione quando Berlusconi, costretto nel novembre 2011 alle dimissioni, adottò la stessa tattica di ritirata mediatica, riuscendo poi nell’aprile 2013  a contenere l’emoraggia di voti, che sarebbe stata più pesante se si fosse votato nel 2011.
I motivi di questa scomparsa dei fatti sono difficili da individuare. Sicuramente una causa è da individuare nella scarsa tendenza delle persone ad informarsi, a leggere ( cfr Rapporto lettura Istat 2015 ). A questa si può aggiungere anche la condizione di precarietà lavorativa  nella quale vivono tante famiglie e persone , costrette a fare i conti con situazioni ed esigenze elementari o quasi. E questo costringe a rinunciare all’acquisto di libro, di un giornale. Indubbiamente oggi le fonti di lettura sono più diversificate,  grazie al Web. Rimane, però, il dato: le persone leggono poco! Mi riferisco alla lettura profonda, quella che ti costringe a isolarti, perché l’analisi che poi si conclude con la sintesi, richiede impegno mentale e cognitivo.
Attendiamoci nei prossimi mesi altre perdite di fatti, anche sulla “Buona Scuola”.  Il nostro impegno sarà quello di riportarli in “pole position” proteggendoli dall’oblio.