Aggiorniamo al ribasso il nostro profilo

Il nostro profilo professionale è sempre stato caratterizzato dal “Ti pago poco, ti chiedo poco”. Purtroppo questo luogo comune non corrisponde più al vero. Occorre aggiornarlo.

Il profilo storico

Il nostro lavoro è sempre stato considerato poco importante. Nella sostanza! Formalmente politici, sindacalisti, giornalisti ed altri ancora hanno sempre evidenziato l’importanza strategica della formazione e quindi del ruolo dle docente. A parole, poi nei fatti…il pensare comune è il seguente: ” Gli insegnanti lavorano solo quattro ore, hanno tre mesi di vacanza in estate, quindici giorni a Natale…quindi è giusto pagarli poco”. Esistono tante varianti a questa uscita da bar, che sostanzialmente può essere sintetizzato nel detto ” Ti pago poco, ti chiedo poco!”
In linea teorica il discorso non fa una piega. La retribuzione è commisurata alle ore lavorative. Le cause? E. Centemaro, responsabile scuola di FI, individua una delle cause  alla femminilizzazione.

Una scuola che non esiste più, se non nella mente di chi non la
frequenta

Ora questo detto  “Ti pago poco, ti chiedo poco”,  rimanda ad una scuola che non esiste più. Le quattro ore sono l’orario minimo giornaliero di impegno. Ci sono le programmazioni, le commissioni, le visite d’istruzione e i campiscuola, la scrittura di progetti (Dsa, Bes…) il ricevimento dei genitori… Tutto lavoro alla luce del sole!
A questo occorre aggiungere il sommerso. Mi riferisco alla correzione dei compiti, alla preparazione delle lezioni, alla compilazione delle schede…
A queste incombenze “storiche”, si aggiungono nuovi compiti, derivati da alcune leggi. Penso all’Animatore Digitale, al Team di Innovazione, al commissario del concorso-Scuola, e al referente contro il cyberbullismo…

La logica del “ti pago poco o nulla e ti faccio lavorare di più”

Pertanto da questi pochi esempi è possibile affermare che il profilo docente sta scivolando sempre più verso un contesto asimmetrico di sfruttamento. La pillola è indorata con l’espressione dell”ottimizzazione delle risorse” o se vogliamo volare alto della “tecnica” ( M. Heidegger). Per parlare facile occorre aggiornare il nostro profilo in “ti pago poco o nulla e ti faccio lavorare di più”. Questo è possibile, grazie alla sponda “emotiva e affettiva” che gli insegnanti offrono. Un “fianco” che affonda le sue radici nella “missionarietà” o nel volontarismo” del proprio lavoro, caratterizzato dalla relazione con delle persone giovani e non con carte o dichiarazioni al vento.

Ultimo esempio: il contratto “povero” e irrispettoso

Una conferma di questo nuovo profilo? Il prossimo contratto! Probabilmente sarà caratterizzato da pochissime decine di euro di “aumento”, che rischia per 300.000 docenti “la scomparsa” degli 80€ e per tutti dell’indennità di vacanza contrattuale, e contemporaneamente da un aumento significativo di incombenze. Se questi nuovi carichi di lavoro saranno confermati, il contratto risulterà coerente con il ” ti pago poco o nulla e ti faccio lavorare di più”.
I prossimi mesi confermeranno o meno queste ipotesi.

Questa voce è stata pubblicata in Contratto scuola, Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.