Pubblicazione di foto dei minori, la decisione spetta solo ai genitori

Pubblicazione di foto dei minori

La pubblicazione delle foto o video nel Web rimanda a una grande responsabilità che coinvolge solo i genitori.

Pubblicazione di foto dei minori, la decisione spetta esclusivamente ai genitori anche dopo la fine di un rapporto. Una recente sentenza conferma il quadro internazionale, europeo e nazionale.

Pubblicazione di foto dei minori, una questione troppo delicata

La pubblicazione di foto dei minori è una questione molto delicata, considerando che i dati personali del minore (=foto, video) immessi nella Rete non possono essere controllati. Il processo di condivisione, infatti,  annulla la possibilità di gestione da parte di chi li posta e quindi l’utilizzo scorretto del dato personale da parte di terzi.  Un bambino è un bene  prezioso verso il quale abbiamo l’imperativo morale di proteggere senza se e senza ma.  Ha dichiarato Papa Francesco “Un figlio è un figlio: una vita generata da noi ma destinata a lui, al suo bene, al bene della famiglia, della società, dell’umanità intera”

Conta solo chi ha la responsabilità genitoriale 

Quindi solo gli adulti  che ricoprono la responsabilità  genitoriale possono in comune accordo pubblicare o autorizzare la diffusione di  foto, video  del loro figlio nel Web. La decisione  deve essere ben ponderata, tenendo presente l’interesse supremo del bambino. E questo vale anche dopo lo scioglimento, la cessazione  degli effetti civili, l’annullamento, la nullità del matrimonio, una sentenza di separazione e divorzio e in presenza di una nuova figura che   non  può quindi vantare alcun potere  sul minore.
La responsabilità genitoriale (2013), infatti ha sostituito quella di patria podestà (diritto romano), divenuta poi podestà genitoriale (parità tra uomo e donna). Entrambe  rimandavano a un rapporto di supremazia sui figli. La nuova formulazione richiama  l’esclusivo bene del minore. Nulla di nuovo sotto il sole! Solo un adeguamento, un aggiornamento della legislazione alla Convenzione dei diritti dell’infanzia (1989), dove i diritti dell’infanzia rappresentano il fondamento e coronamento di ogni legislazione nazionale (art. 3). La direttiva è stata recepita in Italia dalla legge 176/91 e precisamente dall’art. 16 e recentemente confermata dal GDPR (25 maggio 2018) e dal decreto attuativo 101 (10 agosto 2018). E non ultimo il Garante della Privacy (2017).
Una recente sentenza ha ribadito tutto questo! Non poteva essere diversamente, considerando che si rimane  genitori per sempre anche dopo la fine di un rapporto.

Questa voce è stata pubblicata in Responsabilità genitoriale, Tutti gli articoli e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.