La pubblicazione delle foto nel Web da Instagram verso il buio

 

Pubblicazione delle foto nel Web

La pubblicazione delle foto nel Web, un’operazione ad alto rischio. Occorre tanta “saggezza digitale”.

La pubblicazione delle foto nel Web. Un articolo  presenta il viaggio delle foto verso il probabile approdo nel Dark Web. Un viaggio non previsto  e voluto dall’interessato, quasi sempre un/a ragazzo/a . Esiste una soluzione: “la saggezza digitale”

La pubblicazione delle foto nel Web, il report di un viaggio verso…

La pubblicazione delle foto nel Web è un’operazione ad alto rischio. Può compromettere la nostra identità digitale, costituita da dati sensibili e personali. Questi sono “consegnati” con una certa disinvoltura in un ambiente virtuale, caratterizzato  da un pervasivo narcisismo pervasivo, chiuso in un presente senza prospettive (C. Lasch). L’espansione dell’io trova la sua sponda nell’anonimato, spesso confuso erroneamente con l’assenza di tracce nel Web.
Bene, il contributo proposto sul sito di Generazioni connesse illustra il viaggio delle foto postate su Instagram. Si legge” Tutti pazzi per Instagram. Il social più popolare, non solo tra gli adolescenti, è il primo in classifica per numero di account attivi, facendo scendere al secondo posto Facebook  e all’ultimo Snapchat. Ma attenzione alle foto che pubblicate.Sono tantissimi infatti i siti che prendono le foto che vengono postate su  Instagram per pubblicarle, senza il nostro consenso, in altri social. Così  basta fare una semplice ricerca su Google ed è possibile trovare le nostre immagini sparse per il web e in posti impensabili.Alcuni siti addirittura sono specializzati nella cattura delle foto o dei video postati su Instragram, compresi di commenti e ovviamente di hashtag. Altre piattaforme inoltre riportano anche le conversazioni che l’utente avvia su This Crush, il social che permette di inviare messaggi in forma anonima e che nella maggior parte dei casi è agganciato proprio ad Instagram.

Il Dark Web il capolinea di questo viaggio

Probabilmente questi siti non rappresentano il punto di arrivo, bensì possono costituire una ripartenza verso il Dark Web, dove i dati personali, opportunamente trattati, permettono a tanti soggetti di lucrare. E’ la fortuna di numerosi siti pedopornografici presenti nella rete oscura, non indicizzata dai comuni motori di ricerca e dove regna l’anonimato a diversi livelli di complessità.

La “saggezza digitale” è il rimedio

 M. Prensky, autore del testo “La mente aumentata” (Erickson, Trento, 2013) definisce  la “saggezza digitale” come una tendenza a usare in modo consapevole e adeguata le opportunità offerte dal Web per moltiplicare il nostro potenziale, costituito da aspetti creativi, risolutivi (problem solving) di condivisione e integrazione dei contenuti…
Tutto questo inizia dalla cura della nostra identità digitale collegata alla reputazione online. Concretamente “la mente aumentata” privilegia la riflessione alla risposta istintiva e compulsiva. Questo fermarsi si declina nei seguenti interrogativi che devono precedere ogni pubblicazione: quali dati personali (foto, video…) pubblicare? Presentano delle criticità che possono favorire l’attività denigratrice del cyberbullo o compromettere la mia reputazione online?

Questa voce è stata pubblicata in Pubblicazione foto nel Web e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.