Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

A che punto è la sinistra?

sinistra-vita-star-trek-grande-e1438170820712
Oggi “L’unità”, giornale fondato da A.Gramsci ha proposto una riflessione: ” A che punto è la sinistra?” Il contributo non tratta  solo della situazione italiana. Allarga lo sguardo all’Europa, in vista delle elezioni in Germania e Francia. Qui però intendo riflettere sul termine “sinistra” e sul suo significato attuale.
A mio parere la sinistra non esiste più! Sopravvive nella forma, non nella sostanza. Chi l’ha estromessa dall’orizzonte semantico della società “liquida”? Il finanzcapitalismo ( L. Gallino ), dell’ “onnipresente presente”, dell’individuo consumatore senza “io” e “noi”, dell’evaporazione della politica ridotta a variabile dipendente dall’economia, della riduzione della sovranità degli stati nazionali.
In questo contesto presentato sinteticamente, la sinistra è una realtà vuota, senza radici, “liquida”. Il suo terreno e le sue radici non esistono più! Da Gramsci a Berlinguer, quella sinistra  si alimentava di futuro, di una visione che considerava la storia come un processo dialettico esente da ogni “datità” naturale. Quella sinistra perseguiva l’affermazione e l’ampliamento dei diritti sociali, meno di quello civili, che considerava il “noi” cornice dell’ “io”, inteso quest’ultimo come realtà “densa”, “pesante”, in quanto carico di storia e della spinta trasformatrice della realtà. Quindi sideralmente lontano dal paradigma adattativo verso la realtà che porta al fatalismo, anticamera della ” notte del mondo” ( M. Heidegger ) abitato da “passioni tristi” ( B. Spinoza ) alimentate dal diktat ” Ce lo chiede l’Europa!”.
Ecco il contesto da “Fine della storia”(F. Fukuyama ) che ha espulso  la sinistra!