Posted in: Cyberbullismo, Recensioni, Tutti gli articoli

Recensione: “Generazione TVB”


“Nativi digitali”! Ecco l’espressione più utilizzata per definire i nostri ragazzi. Sicuramente, non rimanda a competenze informatiche! E’ solo una condizione “leggera”, caratterizzata quasi sempre dalla conoscenza di poche procedure, quelle necessarie per navigare nei media sociali o gestire i servizi di messaggistica istantanea.
Eppure questa  “condizione di superficie” sta modificando i processi cognitivi, le relazioni e la sfera affettiva dei nostro ragazzi. All’insaputa  della scuola e della famiglia!
Il lavoro di T. Iaquinta e A. Salvo è finalizzato ad aprire “diverse finestre”sul mondo interiore dei nostri ragazzi, dove in alcuni casi il corpo è percepito come  una realtà “felicemente ingombrante” e in altri come un qualcosa da alterare o da rendere leggero, quasi invisibile. Attraverso queste rappresentazioni passano  l’affettività,   i sentimenti dei nostri ragazzi, sostenuti da codice linguistico diverso da quella dei propri genitori. Le autrici presentano alcuni scenari che suggeriscono ipotetiche modalità di sperimentazione degli affetti, dei sentimenti da parte dei nostri ragazzi, quasi sempre connessi in un mondo virtuale, contrapposto a quello reale che li vede sempre più passivi o assenti.  Ovviamente vengono trattati altri aspetti come la sessualità, definita “la cosa sessuale” ( S. Freud ).
Lavoro interessante, lontano dal gergo accademico, risulta utile per comprendere i nostri ragazzi, caratterizzati da amori liquidi, legami deboli e da una domanda di accompagnamento e di direzione da parte degli adulti. Ovviamente con regole diverse da quelle del recente passato.