Posted in: Recensioni, Tutti gli articoli

Recensione ” La Vita inaspettata”

La+vita+inaspettata
Ho finito di leggere questo contributo di T. Pievani. L’aggettivo e il sottotitolo anticipano il profilo scientifico del lavoro,  che per sua natura non può dire nulla oltre il verificabile, il certificabile. Siamo sulla stessa onda dell’essere in sé di J.P. Sartre che nella sua opera “L’essere e il nulla” affermava che della realtà si può dire solo che esiste.
Ovviamente l’autore parte dalla teoria evoluzionista che si contrappone a quella creazionista. Il darwinismo ha rappresentato un punto di rottura, di non ritorno con le idee di un disegno  sotteso alla creazione dell’universo e all’affermazione della specie umana su questo pianeta cke costituisce un puntino all’interno di una delle tantissime galassie.
L’autore scrive che in alcuni momenti della sua evoluzione la specie umana poteva scomparire, finendo per costituire una della tante e fugaci apparizioni sulla terra. “in almeno una fase della nostra storia evolutiva ci siamo ritrovati davvero in pochi: bande sparse di ominini, mobili e intraprendenti, ma con numeri che oggi rasenterebbero il rischio estinzione». Potevamo dunque non esserci, così come potevano essere alquanto diversi: non dimentichiamo che fino a 13.000 anni fa viveva ancora l’homo floriesensis, alto poco più di un metro e alquanto diversi da noi”. Questo ominide è riuscito a vincere la sua lotta per la sopravvivenza, individuando soluzioni adattative all’ambinte quasi sempre sfavorevoli.
T. Pievani, coautore di un altro contributo  “Nati per credere. Perché il nostro cervello sembra predisposto a fraintendere la teoria di Darwin” afferma, uscendo questa volta dal tracciato scientifico e quindi sconfinando in un ambito diverso da quello dell’oggettività che è “proprio la nostra solitudine a farci veder l’evoluzione in modo lineare e progressivo. In mondi controfattuali alternativi dove non fossimo soli, faticheremmo a concepirci come i predestinati e forse capiremmo ancora meglio che cosa significhi davvero essere umani”.
Libro presente anche in forma digitale che consiglio di leggere. Sicuramente non al mare.