Posted in: Recensioni, Tutti gli articoli

Recensione: “Stato di crisi”

NZO

Lavoro profondo e non poteva essere diversamente, se si considera la presenza di intelligenze della massima grandezza, una delle quali è riuscita perfettamente a fotografare il nostro tempo, mutevole, in continuo cambiamento. L’analisi del nostro tempo è supportata da concetti, riflessioni che puntano a individuare le coordinate che si nascondono nella “liquidità moderna”. L’impresa ha esito positivo. Tutto ruota intorno al termine “crisi” che etimologicamente rimanda a qualcosa di provvisorio, a un passaggio verso una condizione nuova, diversa e si spera migliore. L’attuale fase riguarda tre realtà: la politica, la modernità e la democrazia.
La prima è profondamente screditata, ha perso valore. E’ divenuta leggera, incapace di decidere e cambiare in modo autonomo la realtà. Questa separazione avvenuta tra se stessa e il potere favorisce la nascita dei tanti movimenti antipolitici che mettono in luce la gestione del presente, l’esecuzione di direttive dei poteri forti e la cura del “particulare”, che spesso diventa malaffare e corruzione.
La modernità, invece, nata per dare solidità e certezza alle esistenze, è stata sostituita dalla postmodernità. Bauman non accetta questa definizione, sostituendola con la felice definizione della “modernità liquida”, caratterizzata da un’accelerazione nel cambio di profili, di situazioni e contesti. Anche la democrazia, è coinvolta in una profonda crisi. Considerando la sua incapacità a rappresentare gli interessi generali, ma prevalentemente quelli della maggioranza vincente e la sua difficoltà a dare sostanza ai principi di uguaglianza e rispetto dei diritti individuali, quale futuro si prospetta per essa? Difficile ipotizzare una via d’uscita. Per questo occorre un’adeguata riflessione sugli ostacoli che ci impediscono di elaborare una teoria globale concreta e fattibile . Lavoro assolutamente da leggere, in quanto esprime il tentativo di andare oltre le nebbie che avvolgono la nostra epoca, indicando i punti da cui partire per pilotare la crisi del nostro tempo oltre le nebbie attuali.