Posted in: Recensioni, Tutti gli articoli

Recensione: ” Malascuola”

10166606._UY346_SS346_

“ Se io fossi il ministro dell’istruzione raddoppierei lo stipendio degli insegnanti”. Così recita il sottotitolo del lavoro di C. Cremaschi. Uomo di scuola, impegnato da diverso tempo nel sindacato, ritiene che questa soluzione, unita alla riduzione del personale scolastico e alla loro valorizzazione e differenziazione della carriera, possa contribuire all’efficienza ed efficacia del sistema formativo.
Il primo obiettivo si può conseguire in modo indolore, grazie al pensionamento nei prossimi anni di duecentomila docenti; il secondo, invece, attraverso la riduzione degli sprechi e il reinvestimento totale delle risorse nella scuola. Quest’ultimo principio, più volte ribadito dall’autore, si discosta significativamente dalle ultime politiche scolastiche dei governi didestra e di sinistra che hanno utilizzato i risparmi per risanare i conti pubblici o finanziare iniziative esterne alla scuola.
Quali sono allora gli sprechi o gli elementi critici, che se risolti, possono liberare risorse significative? C. Cremaschi li individua nelle “ore di cinquanta minuti” pagate per sessanta minuti, nella compressione del calendario scolastico, nell’eccessivo numero di materie e progetti che richiedono un “surplus” di docenti, nell’esistenza di plessi che accolgono pluriclassi, nell’organizzazione della scuola primaria che prevede – prevedeva – le compresenze tra i maestri…
Quest’analisi è seguita da una “pars costruens”, che differenzia questo lavoro da altri, quasi sempre scritti da “ giornalisti tuttologi”, che proprio nelle proposte evidenziano limiti e difficoltà nel capire “il sistema scuola”.
Con un linguaggio esente da inutili tecnicismi, dal politichese e sindacalese, C. Cremaschi argomenta come il compenso effettivo di cinquanta minuti, una distribuzione del calendario scolastico su quaranta settimane, mantenendo l’attuale monte-ore annuale, l’essenzializazione del curricolo e altro ancora possono portare a risparmi significativi.
Tutte queste soluzioni, puntano a modificare radicalmente il sistema-scuola, liberando contemporaneamente risorse da investire in una reale “professionalizzazione” del docente, basata su un diverso percorso di formazione/aggiornamento, sulla valutazione del lavoro didattico, sull’articolazione della carriera molto simile a quella proposta nel Disegno di Legge di V.Aprea.. La contropartita per questo nuovo profilo è il significativo riconoscimento economico per il docente. Ma i tempi sono maturi per questa svolta? Forse si, dipenderà tutto dagli attori coinvolti: l’amministrazione pubblica e i docenti, senza però intermediari.
Gianfranco Scialpi