Posted in: Recensioni, Tutti gli articoli

Recensione: P. Mastrocola ” La passione ribelle”

Layout 1
“Chi studia è sempre un ribelle. Uno che si mette da un’altra parte rispetto al mondo e, a suo modo, ne contrasta la corsa. Chi studia si ferma e sta: così, si rende eversivo e contrario. Forse, dietro, c’è sempre una scontentezza: di sé, o del mondo. Ma non è mai una fuga. È solo una ribellione silenziosa e, oggi più che mai, invisibile. A tutti i ribelli invisibili è dedicato questo libro”.
L’ultimo lavoro di Mastrocola in uno stile colloquiale, quindi privo di ogni accademismo, illustra il carattere rivoluzionario, ribelle dello studio. Inteso quest’ultimo come analisi, profondità, l’andare oltre le increspature concettuali. In un contesto di “passioni tristi” ( B. Spinoza ), dove la spinta ad autotranscendersi ( J.P. Sartre – M. Heidegger…), il divenire creativo sono diventate delle chimere, lo studio, secondo P. Mastrocola,  rappresenta una scelta di rottura rispetto alla ” nienteficazione”   del futuro. Questa dimensione può diventare contenuto, innovazione grazie all’elaborazione di idee forti, alte che permettono di osservare la realtà e di modificarla, “frullando” in modo personale e creativo la cultura profonda acquisita.
Tutto questo però interessa poco. Viviamo in un contesto culturale dove il 60% delle non leggono un giornale o un libro da un anno. Altri sono i valori di riferimento.
Interessante l’analisi dei risvolti pedagogici dello studio come la fatica e la volontà di raggiungere la meta che non rappresenta il punto finale del  percorso personale , ma sempre la ripartenza per l’oltre.
E’ la condizione dello studioso, che dovrebbe essere quella di ogni uomo. E invece…
Lavoro da leggere assolutamente!!!