“Chi manipola la tua mente” A.O. Ferraris

67437g-ywh6e7lx

La comunicazione non è mai stata oggettiva! Ognuno cerca sempre di manipolarla, di adattarla con trucchi e alterazioni ai propri fini. Con l’avvento dei massmedia, il messaggio non rimanda  più alla dualità verbale-non verbale. Il supporto di altri elementi, come ad esempio la scenografia possono concorrere al risultato per il quale è stata pensata.
Lo scopo della comunicazione “liquida”, spesso veloce, “di pancia” non è convincere con argomentazioni ma cambiare le attitudini delle persone, dando ad esse l’impressione che questo avviene per una loro libera scelta.   Detto questo, come riconoscere le trappole cognitive o emotive che accompagnano oggi la comunicazione politica e non solo?
A.Oliverio Ferraris, ex ordinario di Psicologia dello Sviluppo, psicoterapeuta e scrittice con la sua autorevole penna ci descrive con un linguaggio accessibile e prevalentemente accattivante,  i meccanismi più utilizzati per manipolare la nostra mente e quindi dissolvere il nostro Io, riducendolo alla somma di sensazioni ( D. Hume ).
Si inizia con l’imitazione, meccanismo che ha un ruolo importante nel processo di socializzazione, ma che in un contesto manipolatorio diventa un interessante ” cavallo di Troia ” per indebolire il nostro Io. E’ il caso dell’aumento delle vendite di sigarette ( anni 30-50 ), grazie all’esposizione mediatica di alcuni attori come Gary Cooper, Humphrey Bogart. Il meccanismo dell’imitazione poi ha una sua declinazione nel trucco del mimetismo mediatico dove si ritiene vera e fondata l’opinione della maggioranza.
Da qui si analizzano nei capitoli seguenti il nostro piacere ad essere convinti e le tecniche pubblicitarie e quelle riguardanti la comunicazione politica  che si basano sui  “bug” della nostra mente che favoriscono l’aggiramento della parte riflessiva e critica.  In altri termini, gli esperti in comunicazione puntano sulle nostre emozioni, le uniche che possono bypassare la nostra razionalità. Si parla di Neuromarketing, storytelling e realsificazioni.E’ possibile affermare che chi studia la comunicazione ci conosce molto bene, più di noi stessi! Prospettiva inquietante!
Lavoro che consiglio a tutti, soprattutto a chi intende rimanere il più possibile libero nel nostro contesto liquido e postmoderno, dove le persone hanno assunto un profilo di consumatori e di oggetti da manipolare.