Posted in: Recensioni, Tutti gli articoli

Renzi in “profondità”

renzi  galimberti cs6.indd

Ha scritto F. Hegel ” Non osservare l’albero, ma la foresta”. Recentemente ha dichiarato il filosofo U. Galimberti ” Occorre andare in profondità e non accontentarsi delle increspature”.Ora, se ci fermiamo alla superficie di Renzi, o meglio al suo fenomeno, allora è facile tacciarlo  come “un pallonaro”, “uno sparaballe”. Personalmente sono convinto che si arriva al potere, non per caso, ma perché si risponde a bisogni sociali e individuali anche se non prevalenti. Pertanto è necessario andare oltre ” L’uomo in superficie” ( V. Andreoli ) e individuare la grammatica e la sintassi del personaggio pubblico Renzi. Occorre capire il format del suo successo ( mi auguro momentaneo e più breve del ventennio e più di Berlusconi ). In altri termini, è indispensabile comprendere il comunicatore- Renzi. Quali sono le strategie comunicative e anche  politiche , studiate a tavolino che riescono a “morfinizzare” tanta opinione pubblica, fino ad accontentarsi di ” favole” che spesso “nascondono i fatti” ( M. Travaglio ) o comunque li alterano. L’andare a fondo ci consente di proporci oltre i luoghi comuni, immettendo nelle nostre relazioni adeguati elementi  per riflettere e proporre alternative profonde alla superficialità che caratterizza tante prese di posizione e dichiarazioni.
In questa impresa ci aiutano due lavori letti ( ne esistono molti altri sul fenomeno-Renzi, ma preferisco parlare di quello che conosco ).
Il primo già recensito su questo blog è scritto da una professoressa universitaria dove il racconto di fatti è marginale, a favore di analisi strutturate e accademiche. Il secondo, invece, è di un giornalista che riesce nell’intento ad accompagnare fatti con adeguate analisi.