Posted in: Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli

Renzi rischia la seconda sfiducia

Il 5 maggio ha rappresentato la prima sfiducia della scuola verso la Riforma Renzi. Lo dicono i numeri: otto docenti su dieci ha aderito allo sciopero. E l’osservazione su molte realtà territoriali conferma questo dato. Ovviamente di parere opposto è l’Amministrazione, che fissa in un “misero” 65% la percentuale di adesione allo sciopero. E Renzi? Sembra sottovalutare questa imponente opposizione alla Riforma. In questo modo rischia di impattare con la seconda sfiducia che potrebbe rivelarsi molto imbarazzante e difficilmente giustificabile. Mi riferisco al probabile risultato delle prossime regionali che potrebbe portare il Pd sotto il 35%. Sui Social network molti docenti, e anche numerosi non addetti ai lavori ( genitori ? ) hanno dichiarato che non voteranno più il Pd. Quali le ragioni di questo strappo, di questo divorzio? Ormai quasi tutti concordano che il Pd non rappresenta più i valori della sinistra. Infatti quegli ultimi dieci grammi di sinistra che erano rimasti fino al 2014 sono stati rottamati da Renzi . Concretamente questa polverizzazione della sinistra si è manifestata anche con il Disegno di legge sulla “Buona Scuola”. Il provvedimento, infatti, ha ripreso alcune idee avanzate dalla destra e in particolare da V. Aprea, nel 2000 ( cfr “ La scuola che non c’è”, Edizioni Liberal, Firenze ) come la chiamata diretta da parte dei Dirigenti e la premialità. Ecco spiegate le dichiarazioni di M. Stella Gelmini, quando afferma che la “Buona scuola” conclude il percorso da lei iniziato. Ora in quest’ottica l’operazione di azzeramento o quantomeno di riduzione delle classi-pollaio è stata coerentemente declassata a orpello secondario o a semplice annuncio senza alcun fondamento nel Disegno di Legge. In altri termini, il ritorno a classi realmente formative ( 15-20 alunni ) non è stato considerato prioritario rispetto a tanti copia/incolla della cultura della destra. E’ arduo pensare che la “Buona Scuola” di “Renzi possa essere identificata con una scuola aperta a tutti e impegnata a rimuovere gli impedimenti all’affermazione della persona, almeno finché non verranno azzerate le classi-pollaio volute dal duo Tremonti-Gelmini con il solo fine di “far cassa”.
Ecco spiegati alcuni motivi di uno scollamento tra gli operatori della scuola impegnati ogni giorno nelle diverse attività di inclusione e il Pd che invece sembra considerare secondario questo valore. Renzi deve fermarsi e riflettere prima di continuare a viaggiare su un treno che porterà il Pd ad assumere un’identità “liquida” ( Baumann) e camaleontica. Se questo avverrà non sarà un bene per la democrazia che ha tanto bisogno di un partito che vada oltre il presente , indicando un’alternativa al pensiero unico dei mercati.