Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Renzi. Sono d’accordo con lui! Peccato…


Si legge sul blog di M. Renzi:
“Le regole dicono che il surplus commerciale della Germania non può essere superiore al 6%, oggi è intorno al 9%. Si tratta di una violazione delle regole che fa male a tutta l’Europa. E che la indebolisce a favore dei soli amici tedeschi. Più volte abbiamo posto il tema in modo ufficiale, nei tavoli di discussione: vogliamo rispettare le regole. Ma dobbiamo farlo tutti. Anche la Germania. La filosofia dei due pesi e due misure è sbagliata.”
Lo stralcio conferma, quanto da me scritto qualche settimana fa. L’euro è “il marco tedesco mascherato”. E’ una moneta che favorisce unicamente la Germania. E Renzi questo lo sa, anche quando sembra meravigliarsi dell’eccessivo surplus tedesco, naturale  conseguenza  di una moneta, basata sul cambio fisso tra paesi disuguali economicamente. Per inciso, l’ammissione di un eccedenza tollerata al 6% è una dichiarazione di per sè della “germanizzazione” dell’Euro.   Ora l’adozione di un cambio fisso   e’ un argine alla svalutazione competitiva, che un tempo favoriva i nostri prodotti… “fino al 2001 il nostro Paese, grazie alle diverse svalutazioni competitive aveva un surplus commerciale superiore alla Germania. Questa posizione privilegiata del nostro Paese si è azzerata negli anni successivi all’entrata nella moneta unica, a tutto vantaggio della Germania, che invece ha visto il proprio surplus crescere. Come scrive l’economista A. Bagnai, un paese forte se non rivaluta, sostanzialmente svaluta, attirando sui suoi prodotti l’interesse dei consumatori.” .
Tornando all’esternazione di Renzi, purtroppo l’ex Premier ha fatto poco per modificare questo quadro. Ha applicato la regola della svalutazione interna, che si traduce nel congelamento o riduzione dei salari.  In altri termini, ha  confermato l’impianto bifronte dell’ Euro rispondendo nell’unico modo possibile in un regime di cambio fisso, e quindi allineandosi senza stonature  al pensiero di M. Draghi. Il Governatore  della Bce ha dichiarato che per salvare l’Euro   e quindi l’inflazione al 2% occorre tenere i salari bassi.
L’esempio più vicino a noi ( insegnanti e operatori della scuola ) è il blocco dei contratti pubblici deciso proprio dall’ex Premier fiorentino fino al 2018 ( Legge di stabilità 2015 ), poi riveduto a seguito della sentenza della Consulta ( 24 giugno  2015 ) che ha ritenuto incostituzionale il protrarsi del congelamento.
Ritengo che in politica, come nella vita, sia necessaria una  continuità tra le parole e i fatti. Altrimenti è meglio tacere, sperando ” nella memoria corta degli italiani”, molti dei quali ad esempio non riescono ad individuare il responsabile del buco dei 3,4 miliardi di euro che in questi giorni la Commissione ci ha chiesto di coprire. Infatti, in un recente sondaggio di N. Pagnoncelli il 65% degli intervistati si è diviso tra un’opinione non fondata sui fatti ( “accanimento dell’Europa…)  e una totale perdita di memoria  ( “Non sa, e non indica” ), ignorando che l’origine di questo guaio finanziario è da ricercare nella legge di Stabilità 2017 pro referendum , proposta da Renzi.” ( v.mio articolo).