Contratto economico
Posted in: Opinioni

Ministro Valeria Fedeli, repetita non semper iuvant.

Repetita (non semper) iuvant
Riformulo il vecchio detto: repetita non semper iuvant. La settimana scorsa il Ministro Fedeli ha rilasciato un’intervista al direttore di tecnicadellascuola.it.

Niente di nuovo sotto il sole

Ci sono novità concrete? Nulla! Il Ministro ormai è fortemente condizionato dall’annuncite. Con una variante: la miscela è diversa! In altri termini ripete sempre gli stessi concetti, astenendosi però dal copia e incolla. Non potrebbe essere diversamente, considerata la necessità di non apparire immediatamente ripetitiva e noiosa. Il Ministro ha appreso presto una delle regole della comunicazione politica e non solo: dire le stesse cose, miscellandole però in modo diverso
A conferma di quanto detto riporto due passaggi, comparandoli con un’intervista di fine giugno ( a destra )

Una semplice comparazione

Il ruolo delle insegnanti e degli insegnanti, cui spetta il compito centrale e delicato di guidare le nuove generazioni nel domani, è importante e come tale va riconosciuto. Anche economicamentePer il lavoro che svolgono, gli insegnanti dovrebbero essre una delle categorie più pagate. Bisognerebbe pensare alle professionalità più alte per pensare ad uno stipendio come quello
l’obiettivo è comunque trovare risorse per consentire di ridare dignità al loro ruolo, corrispondendo loro una retribuzione adeguataI docenti sono professionisti, dovrebbero essere i meglio pagati

Un suggerimento

Invito nuovamente il Ministro a parlare solo dopo aver prodotto atti amministrativi o costretto il Governo a presentare un Decreto legge che renda nulle le leggi di stabilità 2016 e 2017. Diversamente devo pensare che il Ministro ci ritenga poco intelligenti da non cogliere il sottile fine elettorale o la rabbia mal espressa di una condizione che la vede prigioniera di una gabbia imposta dalle leggi di bilancio e dall’Atto di indirizzo generale, emanato dal Ministro Madia.
A questo aggiungo che le suddette affermazioni non supportate dai fatti, non produrranno la convinzione di essere vere. Il nostro miglior alleato sarà  il nostro portafoglio. In questo caso ” repetita non semper iuvant!