Posted in: Culpa in vigilando, Tutti gli articoli

Responsabilità sui minori, ottima iniziativa!

Responsabilità sui minori
Petizione per una maggiore autonomia dei minori.


Responsabilità sui minori da parte dei docenti. Dopo la sentenza 21593/17 gli insegnanti e prima ancora i dirigenti, sui quali grava la “Culpa in organizzando”, sono stati costretti a riflettere sui pericoli della normativa vigente. Ora arriva un’interessante iniziativa

Dopo la sentenza 21593/17….

A settembre la Cassazione ha condannato il Dirigente e la docente per carenza di vigilanza su uno studente, investito dal pullman scolastico. Purtroppo il ragazzo è deceduto!
Le reazioni di molti insegnanti sono state condizionate dalla superficialità data alla notizia da parte dei massmedia. (Leggi articolo)  Da qui incredulità, smarrimento e disorientamento e tanta rabbia! Tutti questi sentimenti sono stati generati dalla percezione dello scostamento tra il diritto e la prassi comune, improntata quest’ultima a responsabilizzare molto il minore.
Il “contagio” ha poi coinvolto i dirigenti, i quali hanno iniziato a  firmare circolari molto restrittive ( leggi notizia)
Fortunatamente dopo qualche giorno la sentenza è stata resa pubblica, chiarendo il contesto dell’evento. L’insegnante  è stata chiamata a rispondere perché non ha rispettato una procedura prevista dal Regolamento d’Istituto. Quindi nulla di nuovo sotto il sole!  

Responsabilità sui minori, resta il problema

I problema di fondo rimane, confermato dall’art.2048 del Codice civile e dalle sentenze della Cassazione. Per inciso, non condivido quando Rino Di Meglio dichiara che la “Culpa in vigilando” è definita dal codice e in parte dal contratto, dimenticando le sentenze.
Comunque tutto ruota intorno al concetto di minore, definito come soggetto “incapace di intendere e volere”. Questo profilo giuridico vale fino a un giorno prima del compimento del diciottesimo anno di età. Ricordo che la Cassazione con Sentenza 1769/2012 ha confermato tale condizione giuridica anche per soggetti prossimi alla maggiore età. Nel caso trattato la sua vicinanza temporale al raggiungimento del diciotetsimo anno, non poteva sollevare i docenti accompagnatori dalla verifica della struttura alberghiera in termini di sicurezza.

 

Un’interessante iniziativa, ma…

E’ di questi giorni un’interessante petizione rivolta al governo per ridefinire il profilo di minore. Nel concreto si chiede ” la legge  specifichi che non si considera mai abbandono di minore la normale attività autonoma dei bambini e dei ragazzi (come l’andare e tornare a scuola da soli, il giocare nei parchi pubblici o nei cortili senza sorveglianti, lo spostarsi in quartiere o in paese in autonomia), e che nessun genitore, insegnante, educatore o preside possa essere considerato responsabile di abbandono in queste condizioni”.
Adesso la “palla” passa al governo e nello specifico al Presidente Gentiloni e al Ministro della Giustizia. Troveranno del tempo per riflettere e decidere rapidamente sulla questione, dove è in gioco anche l’autonomia dei nostri ragazzi? Ne dubito, ma come si dice ” la speranza è l’ultima a morire !”