Riapertura delle scuole, anticipare o posticipare? Comunque la scuola si presenta…

Riapertura delle scuole

Riapertura delle scuole. A maggio? A settembre? A ottobre? Confermata la marginalità della formazione.

Riapertura delle scuole c’è chi ha fretta e chi propone una scadenza lunga La contrapposizione è solo fittizia, perché ad entrambe le parti interessa poco la scuola  e…

Riapertura delle scuole, la posizione del governo e delle famiglie

Riapertura delle scuole, il governo sembra aver deciso: a settembre sicuramente! Probabilmente! Forse…
Chi invece ha le idee chiare sono molti genitori e i rappresentanti di alcune categorie produttive.
Iniziamo dai primi.
Diversi genitori hanno sottoscritto la petizione “Priorità alla scuola” finalizzata alla riapertura delle scuole.Si legge: “Se si riparte anche la scuola deve ripartire perché nella scuola c’è il futuro, immediato e prossimo, dell’Italia. Una ripartenza con genitori che dovrebbero ancora farsi carico dell’accudimento e/o dell’istruzione primaria dei propri figli è impensabile. Non si può, quindi, sottovalutare il problema e non pensare alle enormi conseguenze che questo avrà sui minori e sull’organizzazione delle famiglie. Segue l’elenco delle criticità relative alla didattica a distanza e una riflessione sulla virtuosità di alcuni Paesi quali la Danimarca, la Francia, la Germania che hanno deciso di aprire in questi giorni.
Interessante questo passaggio che spinge per un anticipo:  “riteniamo comunque che la gradualità delle aperture, imposta dalle esigenze sanitarie ma anche da quelle di graduazione delle esigenze dei minori e delle famiglie, consentirebbe di pianificare sin dalle prossime settimane – al pari o quasi degli altri paesi europei parimenti colpiti – la riapertura dei servizi educativi almeno alla prima infanzia (l’anno scolastico per asili e scuole dell’infanzia non si chiude il 10 giugno, ma alla fine del mese, protraendosi in certi casi anche in luglio) e (almeno delle prime classi) delle scuole primarie.”

La posizione del comparto alberghiero e vacanziero

Sul versante opposto ci sono quelli che vogliono posticipare l’inizio della scuola per dare respiro al comparto del  turismo, fortemente penalizzato dalla fase uno e sicuramente da quella successiva. “Alcuni sindaci (Jesolo e altri del litorale del Veneto orientale) hanno proposto la settimana corta erga omnes per tutto l’autunno, altri il posticipo dell’inizio delle lezioni vere a ottobre per consentire di usare settembre per le vacanze.”

La scuola è strattonata, bistrattata e messa all’angolo

Questa è la situazione. Pur parlando di sicurezza, questa è presente nei discorsi più per confondere e nascondere le reali intenzioni. Qualcuno forse dimentica che le scuole sono state chiuse per un pericolo reale per la nostra salute? Qualcuno dimentica che la decisione del governo è stata suggerita da esperti in malattie infettive? Qualcuno dimentica che sono in gioco vite umane?
Le scuole riapriranno quando la situazione emergenziale sarà sotto controllo. Allora conterà la formazione e non altri interessi. Quindi è inutile avanzare a priori proposte di apertura per incentivare il turismo. L’eventuale apertura sarà il risultato di una ponderata riflessione sui pro e i contro.
Il desolante dibattito comunque ripete il classico spartito che vede la scuola strattonata e piegata agli interessi di parte con buona pace della formazione. Non parliamo poi della sicurezza!